Il Taccuino: tanti nuovi libri in arrivo

Bentornati

Anche se chi lavora in un ufficio stampa in ferie non ci va praticamente mai….bentornati dalle ferie estive, amici del Taccuino! Si preannuncia infatti una grande ed intensa stagione letteraria ricca di novità. Tanti interessanti scrittori e libri da diffondere e da scoprire insieme mese per mese.

Non solo: tantissimi nuovi magazine, programmi radiofonici, caffé letterari, riviste cartacee, bloggers & book-bloggers, conduttori, contenutisti si sono uniti alla sempre più corpulenta lista di media-partners e collaboratori del nostro ufficio stampa. Vi ricordiamo infine che questo blog non si occupa solo esclusivamente degli autori del Taccuino Ufficio Stampa Bologna ma anche di tecniche di diffusione, consigli promozionali, blogging,social-media management, interviste a blogger book-blogger, autori emergenti e non, concorsi ed eventi letterari degni di nota.

Il Taccuino Ufficio Stampa

Per proporci idee, collaborazioni, libri da leggere potete scriverci al nostro indirizzo mail iltaccuinoufficiostampa@gmail.com

 

LE PROPOSTE DI SETTEMBRE. A cura del Taccuino Ufficio Stampa

zanzara muta

La zanzara muta di Gianfranco Spinazzi. La zanzara muta mette in scena un incontro/scontro tra due anziani arrabbiati con sé stessi e con la vita. Il romanzo è diviso in due parti in cui si analizzano i pensieri e i ricordi dei due protagonisti, mentre si racconta del loro improbabile rapporto nato nell’inganno e nella violenza e poi sfociato nella necessità di comprendere e di condividere. Tra piccoli e illogici squarci di vita ed elucubrazioni al limite della follia e della paranoia, Gianfranco Spinazzi riesce a regalare alla fase della senilità una prospettiva nuova, in cui si ha la sensazione che non tutto è perduto, e che il cambiamento può avvenire anche dentro chi ha troppe rughe in volto e troppi dolori nelle ossa. Un romanzo intelligente e ironico, una lucida riflessione sulla solitudine e sui dolori e rimpianti che la vecchiaia porta con sé, ma anche un’originale storia in cui a farsi protagonista è la mente con le sue molteplici e talvolta paradossali sfumature.

Titolo: La zanzara muta
Autore: Gianfranco Spinazzi
Genere: Drammatico
Casa Editrice: Tragopano Edizioni
Pagine: 169
Codice ISBN: 978-88-99396-02-2

«[…] Il tarlo cervellotico del settantenne non concedeva tregua ai dubbi e ai tormenti. La congestione di immaginario e reale affossava ogni tentativo di mediazione razionale. Quando si trattava di frenare gli ingorghi dei pensieri, era difficile per lui operare tagli e distanze, cedeva alla libertà che avrebbe dovuto conciliarlo con sé stesso».

TRAMA. Due vecchi si incontrano in un bar veneziano gestito da un nano che si veste in stile “belle époque”. Stabiliscono di incontrarsi a casa di uno dei due per approfondire il comune interesse per gli alianti, e qui, a visita avvenuta, il padrone di casa aggredisce l’invitato colpendolo alla testa. Non si tratta di un colpo mortale. I due si fronteggiano in un serrato dialogo in cui affiorano ricordi, amarezze e squarci dell’infanzia perduta. I toni sono spesso concitati ed enigmatici, soprattutto da parte del padrone di casa, un uomo incattivito dalla solitudine e preda di idiosincrasie. Nella seconda parte del romanzo si inquadra la figura dell’aggredito, con i suoi dolori e il suo bisogno di comprendere le proprie scelte di vita. E sarà proprio il confronto con questo semi sconosciuto, un confronto prima subìto e poi cercato, che porterà l’uomo a ripercorrere la propria vita, e ad analizzare la complessità della natura umana.

 Siamo solo piatti spaiati

Siamo solo piatti spaiati di Alessandro Curti. Siamo solo piatti spaiati è la storia di Davide, un giovane che si trova a fare i conti con i propri errori, lontano da casa e dalla sicurezza della famiglia. Il romanzo racconta il mondo degli adolescenti attraverso il filtro del loro sguardo fresco e onesto sul mondo, e di come sia spesso difficile per loro fidarsi e confrontarsi con gli adulti. Dopo Padri imperfetti e Mai più sole, due romanzi di Alessandro Curti che parlano della complessità del ruolo di genitori in questi tempi difficili per le relazioni umane, e Sette note per dirlo, scritto a quattro mani con Cinzia Tocci, in cui troviamo per la prima volta Davide proprio nel momento che cambierà il corso della sua vita e darà il via al quarto libro, il cerchio si chiude con Siamo solo piatti spaiati, in cui a essere analizzato è il comportamento dei figli e il loro percorso di crescita verso l’età adulta. Con gli occhi esperti di un educatore di professione, Andrea, che ritroviamo in tutti i libri di Curti, lo scrittore osserva le fragili dinamiche di relazione che il protagonista intrattiene con i suoi cari, con il mondo circostante e con se stesso.

Titolo: Siamo solo piatti spaiati
Autore: Alessandro Curti
Genere: Narrativa contemporanea
Casa Editrice: C1V Edizioni
Pagine: 250
Codice ISBN: 978-8898295579

«[…] Nulla mi sembrava più lontano dalla mia vita, dal mio mondo. Ho avuto paura. Paura di perdere tutto. Di entrare in un tunnel senza ritorno. Di vivere un incubo dal quale non mi sarei mai risvegliato in un continuo loop di sofferenza. Mi sentivo pizzicare alla base del collo, come se mi avessero infilato uno spillone vudù e lo avessero lasciato lì. A marcire». 

TRAMA. Davide conduce una normale adolescenza come tanti suoi coetanei: frequenta il liceo, si diverte con gli amici e discute con i genitori, fino a quando un evento non calcolato stravolge la sua vita e lo trasporta in un mondo a lui sconosciuto. Qui incontra ragazzi molto diversi da lui e adulti di cui non si fida. Tranne Andrea, per il quale nutre una sorta di amore-odio, perché risveglia in lui riflessioni e pensieri che mai si sarebbe aspettato e che lo confondono e lo mettono in crisi. Il viaggio che intraprenderà lo cambierà in modo indelebile, restituendo al suo vecchio mondo un nuovo Davide, più consapevole di se stesso e della realtà che lo circonda.

 

Incantesimi nelle vie della memoriaIncantesimi nelle vie della memoria di Giuseppe Gallato. Incantesimi nelle vie della memoria è una originale raccolta di dieci racconti di genere fantastico. Il tema dell’onirismo e delle sue diverse manifestazioni è trattato in storie fantasy e fantascientifiche con un approccio filosofico e attento a restituire trame intriganti e ricche d’azione. Alla raccolta non manca una vena horror e una predilezione per temi inquietanti quali i condizionamenti psicologici, le incursioni dal mondo dell’aldilà e le lotte contro mostri emersi dallo stesso inconscio dei protagonisti. Giuseppe Gallato ha uno stile molto personale e complesso, e la sua prosa scorre veloce e attrae anche chi non è appassionato del genere fantasy e sci-fi, per le profonde e interessanti tematiche trattate e per le sue raffinate capacità narrative.

Titolo: Incantesimi nelle vie della memoria
Autore: Giuseppe Gallato
Genere: Raccolta di racconti
Casa Editrice: Caravaggio Editore
Pagine: 152
Codice ISBN: 978-88-95437-79-8

«[…] Siamo anime in costante divenire, fatte di sangue e memoria. Siamo un ineffabile viaggio, immerso nell’eterno Etere del tempo. Siamo il frutto delle passioni, dei desideri e delle volontà che al rintocco di ogni alba lottano contro un passato, un presente e un futuro che non ci appartengono. Siamo la mera illusione di un tempo senza tempo non estraneo alla morte, che annichilisce la dimensione dell’io, e al contempo ricrea in noi l’ambizione dell’ordine, nel suo perpetuo mutare».

TRAMA. Incantesimi nelle vie della memoria è una raccolta di racconti di genere fantasy e sci-fi che tratta del tema del sogno e del suo rapporto con la realtà materiale. I dieci racconti di cui è composta la raccolta sono ambientati in mondi immaginari e in scenari futuribili, i personaggi a volte ritornano nelle varie storie con ruoli diversi e il nucleo centrale della narrazione, l’onirismo in tutte le sue manifestazioni, è trattato prendendo spunto non solo dai generi di appartenenza ma anche dall’horror e dal noir. Il risultato è un’opera omogenea e ben articolata, in cui perdersi ed emozionarsi e anche spaventarsi. Il tutto percorso da interessanti riflessioni filosofiche che soddisfano anche i lettori più raffinati.

 

Prossimamente:

Spazio torbido libro

Il Simbolo libro

Virus Benefico Libro

 

https://www.facebook.com/iltaccuino.ufficiostampa/

Intervista ad Alberto Calandriello

Alberto Calandriello è un assistente sociale e scrittore. Ha pubblicato nel 2014 Scusa, Ameri e nel 2016 I diari della varicella, entrambi per Matisklo Edizioni. Collabora con Radio Savona Sound al programma Mr. Rock e con BRG Radio, per cui ha ideato e conduce il programma Championship Vinyl. Da sempre grandissimo appassionato di musica, vanta una collezione di più di 9000 dischi oltre che un enorme assortimento di magliette rock. Da questa sua passione nasce il romanzo Abbassa quello stereo! edito da Gli Elefanti, in cui racconta della sua storia d’amore con la musica, e di ciò che significa per lui assistere con il cuore e con l’anima a un concerto. Ripercorrendo gli anni insieme alla sua fedele compagna, Alberto Calandriello racconta di sé, delle sue vittorie e dei suoi dolori, e del potere salvifico di piccoli romanzi scritti su un pentagramma.

A cura di Antonella Quaglia

alberto calandriello

«Nel tuo romanzo Abbassa quello stereo! parli di musica come solo chi l’ha capita fino in fondo sa fare. Nella musica tu trovi la prova più concreta di essere vivo, di avere un cuore che batte forte e tanti sogni nella testa. Nella musica cerchi anche un consiglio sulla strada da seguire, sulle scelte da intraprendere. Per dirlo “alla Dylan” la musica ti dona un riparo dalla tempesta. Cosa racconteresti del tuo romanzo/memoir? Cosa ha significato per te scriverlo?». Alla base di “Abbassa quello stereo” c’è la mia grande passione per la musica e la voglia di condividerla; è stato scritto in un arco di tempo molto lungo perché le prime cose risalgono a più di una decina di anni fa e le ultime sono state scritte un paio di mesi fa; è un po’ un modo per raccontare quello che provo per la musica e raccontare me stesso, sperando quantomeno che si capisca che cosa vuol dire per me essere appassionato di musica e questo magari spieghi anche un po’ determinati i miei atteggiamenti oltranzisti

«Raccontaci qualcosa del tuo lavoro in radio». Ho iniziato a fare radio perché il mio amico che si chiama Roberto aveva messo su una web radio all’Università di Savona qui vicino e mi aveva invitato per parlare di calcio e del mio primo libro Scusa, Ameri; poi avevo chiesto se qualcuno avesse voglia di farmi fare un programma e si era resa disponibile Arci Liguria e per un paio di anni su Radio Gazzarra avevo condotto un programma che si chiamava Come Don Chisciotte. Dopodiché sono entrato in contatto con dei ragazzi di Finale Ligure che hanno una web radio che si chiama BRG Radio e sto facendo da tre anni un programma che si chiama Championship Vinyl (ennesimo tributo e citazione di Alta fedeltà) dove racconto la storia del Rock. Poi ho conosciuto Sabrina, una delle speaker storiche di Radio Savona Sound che è una delle radio più longeve qui in Liguria ed ho incontrato Marco, in arte Mr rock e mi sono proposto, così adesso una volta al mese faccio anche l’ospite fisso a Mr Rock; quest’anno da gennaio una volta al mese ci siamo inventati una sorta di sfida tra le band, con puntate dedicate ai Beatles agli Stones, Bob Dylan, Springsteen mettendoli per gioco uno contro l’altro. Come penso si sia capito, a me piace parlare e piace proporre musica e l’idea che ci sia qualcuno che mi che mi ascolti sicuramente mi diverte molto.

«Ampia parte del tuo romanzo è dedicata al racconto dei concerti a cui hai partecipato. Tu parli di vera e propria catarsi, di momenti in cui tutti i pezzi della tua anima vanno al loro posto e tutto appare nuovo ai tuoi occhi, rigenerato. Riesci a emozionare, a far ricordare a chiunque legga la sensazione di completezza che si prova stando ai piedi di un palco. Per chi non ha ancora letto il tuo romanzo, che importanza riveste per te la musica, quanto pensi possa cambiare la vita di una persona?». La musica può cambiare la vita di una persona nella misura in cui questa persona si predisponga a farsela cambiare da una canzone di 4 minuti o da un disco o appunto da un concerto; ognuno trova ispirazioni e consigli e dove ritiene opportuno trovarli. Io ho incominciato ad ascoltare musica in maniera sempre più intensa e mi sono accorto che lì dentro trovavo risposte alle mie domande e soprattutto dubbi che mi facevano porre ulteriori domande da cui poi penso di aver sviluppato il mio percorso di maturazione.

«Durante la lettura del tuo romanzo mi sono divertita a mettere in sottofondo i brani di cui parlavi, di fermarmi ad ascoltare i testi e compararli all’analisi che ne facevi. Che consigli musicali vuoi dare ai tuoi lettori? Quali sono gli autori imprescindibili che dovrebbero essere presenti nella vita di ognuno?».  Gli autori imprescindibili secondo me sono quelli che hanno cambiato qualcosa, che hanno portato qualcosa di nuovo nella nella musica; quindi in ordine assolutamente cronologico direi Robert Johnson Woody Guthrie, Elvis, Bob Dylan, i Beatles, Jimi Hendrix e David Bowie. Questi sono quelli senza i quali la musica oggi (e per musica intendo chiaramente quella con la M maiuscola) sarebbe diversa e probabilmente più povera; poi chiaramente ognuno trova dentro alla singola canzone ed al singolo gruppo motivi personali per per entrarci sempre più a fondo e quindi per renderli più presenti nella vita di tutti i giorni. Questi sono secondo me i punti cardinali senza i quali non si riesce a capire veramente che cosa sia la musica contemporanea. Se invece devo dire nomi nuovi da scoprire dico Filippo Andreani, Davide Geddo, Lorenzo Piccone, Samuele Puppo

«Rimanendo in tema di consigli, nel tuo romanzo citi spesso lo scrittore Nick Hornby e il suo lavoro Alta fedeltà. Come te Hornby è un grandissimo appassionato di musica, che è presente in molte sue opere. Hai altri scrittori che ti sono stati di ispirazione, e che vuoi condividere con noi?». Alta fedeltà non è stato un libro, è stato un un’epifania, perché mi ricordo esattamente il momento in cui ho iniziato a leggerlo, una sera in cui avevo la febbre ,ma sono rimasto sveglio penso fino alle 2 di notte, perché dovevo assolutamente leggerlo tutto. Sono arrivato a un certo punto in cui ho iniziato a seriamente a pensare che parlasse di me, quindi è un qualche cosa che va oltre alla semplice ammirazione letteraria. Da un punto di vista musicale, ci sono diversi autori che mi hanno ispirato, uno fra tutti Peter Guralnick. Poi ci sono i giornalisti musicali, persone che grazie ai loro articoli mi hanno fatto venire voglia di andare ad ascoltare musica che non conoscevo, che è una cosa che molto umilmente spero possa succedere anche a chi leggesse il mio libro; sono ad esempio Mauro Zambellini, Paolo Vites, Roberta Maiorano (che mi ha regalato una meravigliosa introduzione) Daniela Amenta; persone che raccontano la musica e e parlano di musica in modo da fartene innamorare prima ancora appunto di conoscere realmente la musica in senso stretto uno ad esempio è Antonio Gramentieri in arte Don Antonio che è un musicista magistrale, che per assurdo fa musica per la maggior parte strumentale, ma che ha un modo di parlare di scrivere di raccontare che mi affascina sempre.

ABBASSA-QUELLO-STEREO copertina

«In Abbassa quello stereo! racconti delle storie narrate nelle canzoni e delle tue impressioni su di esse, e ci tieni a precisare come ogni brano musicale sia un piccolo romanzo, un pezzo di letteratura. La musica è cultura, ma spesso il suo potere narrativo viene cancellato dalle logiche di mercato. Nel tuo romanzo fai un’aspra critica ai testi telecomandati della musica dei nostri giorni, a come essi nascano per toccare corde precise che antepongono una effimera visibilità emotiva alla profondità del messaggio di una canzone. È un panorama davvero così desolante, o pensi ci sia una parte della produzione musicale odierna che ancora ha da dire qualcosa di importante?». Io penso che al giorno d’oggi ci sia un sacco di bella musica in giro, quello che trovo veramente desolante non è il panorama degli artisti ma il panorama del pubblico; pubblico assolutamente anestetizzato, pubblico senza la minima volontà di cercare qualche cosa che vada oltre al piatto pronto che gli viene propinato in diverse salse, ma sempre con pochissimi ingredienti: pubblico che quindi non cerca e non va a scoprire, una cosa che è lontanissima dal mio essere e soprattutto lontanissima dal mio modo di approcciarmi alla musica; per quanto io abbia, come questo libro dimostra, dei punti fissi su cui sono abbastanza ripetitivo come lo stesso Springsteen, i Pearl Jam gli U2, gli Stones, ho anche una grande voglia di scoprire cose nuove e di andare ad approfondire territori sconosciuti. Quindi secondo me la musica odierna magari con modalità diverse da quelle della musica che amo e quindi ad esempio con sempre meno strumenti e sempre più elettronica, ha ancora un sacco di cose da dire di importante. Bisogna capire se i ragazzi trovano i canali giusti per per ascoltarli; l’esempio secondo me più lampante e tragico è Spotify; Spotify al di là di quello che rappresenta ti da la possibilità di accedere a tutta la musica del mondo, ma se tu vai a vedere soprattutto in Italia, quali siano gli artisti più ascoltati, sono gli stessi che trovi ogni 5 minuti delle radio commerciali; questo vuol dire che tu hai a disposizione una cucina con tutti gli ingredienti possibili e ti fai una pasta olio e formaggio

«Sei un assistente sociale e consideri la tua professione come un modo positivo di approcciarsi al mondo, così come quando si accende uno stereo. Per te la musica, e in generale l’arte, ha lo scopo nobile di migliorare la realtà, e di dare esempi concreti per poter attuare un cambiamento. Citi Thunder road di Bruce Springsteen, in cui si cerca una via per fuggire dalla città dei perdenti, o come affermi “perché apre porte”, e citi Darkness on the edge of town, un’altra canzone del Boss, in cui si insegna a resistere, a non rinunciare a vivere. Quanto degli insegnamenti della musica metti nel tuo lavoro? Hai esempi in cui sei riuscito ad aiutare qualcuno anche grazie ad essa?». Sì io faccio l’assistente sociale e ritengo di fare un lavoro Politico, nel senso Alto del termine, cioè di servizio alla comunità; la musica ritengo sia un’arma politica fortissima, potremmo fare milioni di esempi su come determinate canzoni abbiano cambiato il corso della storia non soltanto raccontandola ma anche influenzando le generazioni che le ascoltavano; nel mio lavoro trovo spesso spunti collegati alla musica; ad esempio un cardine del mio lavoro è l’autodeterminazione delle persone, Born To Run è un disco che parla principalmente di autodeterminazione, Thunder Road, che nel libro spiego in maniera penso abbastanza esauriente essere la mia “Canzone Assoluta” è un inno all’autodeterminazione, una canzone che finisce dicendo “questa è una città di perdenti e io me ne sto andando per vincere” vuol dire “voglio farcela, voglio cavarmela da solo, voglio diventare autonomo e indipendente”; altro esempio sicuramente sono i Pearl Jam, che sono venuti fuori a inizio anni 90 quando io ho iniziato a fare la scuola per assistente sociale, quindi contemporaneamente mentre studiavo determinati principi e determinate idee, sentivo parlare di Jeremy che in classe era bullizzato, della ragazzina di Why go, che veniva inserita contro la sua volontà in un istituto e i genitori non andavano a trovarla; queste due cose sono andate molto in parallelo e sono cresciute insieme

«In Rob di Alta fedeltà di Nick Hornby riconosci il tuo credo che nei dischi c’è un mondo migliore. Citi Rain King dei Counting Crows che si riferisce a sua volta al romanzo di Saul Bellow Henderson, il re della pioggia, in cui il protagonista trova il coraggio di reagire e di capire il vero sé stesso. In Furore di John Steinbeck si racconta della vita di Tom Joad, ripresa da Bruce Springsteen nella canzone The ghost of Tom Joad, in cui parla di chi combatte per la libertà. Un matrimonio intenso e significante, quello tra musica e letteratura. Cosa ne pensi?». La musica è sicuramente letteratura e mi fermerei a Bob Dylan, per motivi abbastanza chiari, il premio Nobel per la letteratura! È stata una dimostrazione lampante che raccontando storie, parlando di emozioni, raccontando vite, anche musicandole si può assolutamente fare letteratura! È un matrimonio che non bisogna trascurare, cosa che in realtà vedo purtroppo che accade soprattutto da parte dei giovani, perchè se per letteratura intendiamo una parola scritta che lasci un segno e che tracci un cammino, se questo avviene con una base musicale, con un apporto musicale, secondo me il segno ed il tracciato sono ancora più forti, ancora più incisivi nella vita di chi li ascolta.

«Il titolo del romanzo Abbassa quello stereo! rimanda ai tuoi giorni da adolescente e a quando i tuoi genitori ti intimavano di non distruggere le loro orecchie, e come tu racconti fa riferimento anche al momento in cui diventi padre ma non sei tu, bensì le tue figlie a chiederti di abbassare lo stereo. Corsi e ricorsi storici raccontati in un libro che comprende circa trent’anni di amore per la musica e soprattutto di passione per artisti quali Bruce Springsteen, Pearl Jam e U2. A che livello di rassegnazione è arrivata la tua famiglia?». Le mie figlie sono abbastanza rassegnate al fatto che papà ogni tanto esca: “dove vai?” “a sentire suonare” “Oh di nuovo!”; mia moglie invece più che rassegnata ha capito che la musica comunque è una benzina importante per me. Anzi spesso è lei che mi spinge ad andare ai concerti qua in zona o comunque a uscire se sa che c’è qualcuno che mi piace che suona dalle mie parti, proprio perché è un modo per tirar via un po’ di ruggine, di stanchezza dalla giornata. Quindi forse è talmente rassegnata che ormai è oltre e dice “va bene, vai, tanto abbiamo capito che se non ci vai è peggio quindi esci sentiti un po’ di musica”.Pensa che ad esempio in casa mia quando tocca a me lavare i piatti non si può fare conversazione perché io lavo i piatti usando le cuffie e quindi anche lì ormai sono rassegnate che se qualcuno ha bisogno di parlarmi deve venire in cucina a tirarmi per il braccio sennò non sento; questo perché io ho dei momenti in cui DEVO sentire musica, spesso anche una sola, particolare canzone, ma DEVO farlo, subito.

«A quando il prossimo concerto di Bruce Springsteen? Arriverà il momento in cui dirai: “Basta, non vedrò più un suo live”?». Ti dirò in linea di massima il concertone da stadio mi ha un po’ stufato, nel senso che non ho più la voglia ed il fisico, nè la tolleranza di fare ore di coda sotto il sole, circondato da tanta gente. Sono andato l’estate scorsa a vedere gli U2 a Roma e sono felicissimo di esserci stato ma ho veramente patito il prima, mentre quando avevo vent’anni stavo giorni sdraiato sul marciapiede; ad esempio sempre gli U2, a Reggio Emilia quando fecero il concerto in quello che adesso si chiama Campovolo, fu una una cosa fuori dal mondo da quanto venne organizzato male il prima ed il dopo, però fu una bellissima avventura; invece adesso questa cosa mi pesa e soprattutto mi piace molto l’atmosfera da piccolo club, da circolo, da teatro, con poca gente, un po’ più raccolta e tranquilla, dove magari ti puoi godere il concerto senza dover difendere la postazione come in trincea. Però ho comunque il biglietto per i Pearl Jam a Padova! Devo dire che io ho Bruce l’ho visto 20 volte che è un numero un po’ carogna perché per chi non segue Bruce la reazione è “Così tante??” per chi invece è uno Springsteeniano Vero porta alla reazione opposta cioè “Così poche???” Però se anche non riuscissi più a vederlo, ma ovviamente spero di no, comunque ne sarei sarei soddisfatto.Non sono riuscito ad andare l’ultima volta, quando fece due serate a Milano ed il mio rimpianto principale è che la prima sera fece Independence Day che è una canzone di cui parlo anche nel libro, per motivi molto personali e tristi, ed è una canzone che probabilmente non riuscirò più a sentire dal vivo.

Link per acquisto

Il Taccuino Ufficio StampaSei uno scrittore o una casa editrice? Vuoi proporre un’ intervista del tuo libro al Taccuino ufficio stampa? Proponi il tuo libro scrivendo alla nostra redazione all’indirizzo iltaccuinoufficiostampa@gmail.com ; non è richiesto nessun tipo di contributo economico

 

Video intervista a Fabio Iuliano – Lithium 48

Parte da oggi una serie di video interviste realizzate dal nostro staff con alcuni tra gli autori indipendenti che ci hanno colpito di più. Incontro ravvicinato con Fabio Iuliano, autore di “Lithium 48”, l’interessante racconto dal climax  fortemente distopico ambientato in una Parigi dalle mille tinte psichedeliche recensito e segnalato da oltre 75 siti e ben 150 emittenti radiofoniche

a cura del Taccuino Ufficio Stampa

Fabio Iuliano è un giornalista, musicista e insegnante di lingue. In passato ha lavorato a Parigi e Milano con Eurosport e Canal + e ha collaborato con l’Ansa e con il Centro (ex gruppo l’Espresso). Come blogger, oltre ad aver seguito vari eventi sportivi internazionali, dalle Universiadi (in Europa e in Asia) alla Race Across America, ha condotto alcune inchieste sull’immigrazione con reportage in Italia, Romania e Marocco. Per Aurora edizioni, casa editrice indipendente trentina, ha già firmato New York, Andalusia del Cemento – il viaggio di Federico García Lorca dalla terra del flamenco alle strade del jazz. Lithium 48 è il suo secondo romanzo.

Lithium 48

Genere: Distopico
Casa Editrice: Aurora Edizioni
Collana: Pensieri nuovi
Pagine: 70
Codice ISBN: 978-88-9480-816-2
Link vendita dal sito della casa editrice:

Lithium 48 racconta una storia che fin dalle prime pagine confonde e sconcerta il lettore. È impossibile infatti non domandarsi se la realtà che il protagonista Simone sperimenta sia concreta o frutto delle sue allucinazioni. Il ragazzo è vittima della paranoia di essere spiato da telecamere onnipresenti e da amici e colleghi di lavoro guidati da una regia esterna, cha ha il solo scopo di incanalarlo in una vita preordinata e rispondente a un copione scritto per intrattenere un pubblico di voyeur. Tutto ha inizio con Simone che si ritrova confinato in una struttura per malati mentali, la Espace Maison Blanche, senza saperne il motivo. Comincia così un viaggio alla conquista di una memoria perduta e alterata dal trattamento farmacologico al quale è sottoposto. Nel ripercorrere le quarantotto ore che lo separano dalla verità, il protagonista del romanzo riflette sul senso di terrore che ha accompagnato l’uomo da quel tragico attentato alle Twin Towers del 2001, e sull’idea che la paranoia e il sospetto siano ormai le uniche armi di difesa contro i pericoli del mondo odierno. Simone si affida alla musica per cercare di arginare la follia in cui, nei brevi momenti di lucidità, sa di stare precipitando. La sua vita è scandita dalle parole dei testi delle canzoni che ama, e che riporta nel racconto dei suoi due giorni di buio. La musica è tanto importante nell’universo privato del protagonista come in quello dell’autore, che il romanzo si apre con una playlist delle canzoni citate, e con il codice QR da utilizzare su Spotify per poterle ascoltare. A seguito dell’amara rivelazione dei particolari del suo tempo perduto, Simone comincia a riacquistare consapevolezza ed è a questo punto che il racconto si fa denso e significativo. Egli oscilla tra diverse interpretazioni di ciò che vede e sente, il dubbio si insinua in lui e anche in chi legge. Se la paura del diverso e delle situazioni nuove permea i suoi pensieri all’inizio del romanzo, i numerosi rimandi alla storia di Mary Poppins raccontano un’altra verità. Sembra che nella mente del protagonista si faccia strada l’idea di combattere la paranoia con l’entusiasmo della scoperta, la stessa che porta l’istitutrice Mary a far conoscere ai bimbi personaggi insoliti e a insegnare a non avere paura del mondo e di chi è diverso da loro. Nel suo essere un ritratto estremizzato dell’uomo contemporaneo, Simone porta con sé l’accettazione dolorosa della paura e della sconfitta, ma anche il riscatto della vita sulla violenza e i pregiudizi.

Proponi il tuo libro e richiedi allo Staff del Taccuino Ufficio Stampa di organizzare una video intervista dettagliata. Non è previsto alcun costo per la realizzazione dell’intervista. Scrivici su:

ltaccuinoufficiostampa@gmail.com

https://www.facebook.com/iltaccuino.ufficiostampa/

Tanti nuovi libri

Dalla narrativa di Roberto Addeo – Edizioni il Seme Bianco al nuovo intenso libro di Francesca Ognibene “Quel figlio negato” . Dalla riedizione di Storybox Creative Lab del primo volume fantasy del “Fuoco segreto di Altea – gli Arconti Ombra” di Isabel Harper (già oltre 10.000 copie prenotate in libreria) per passare ai racconti di Marco Caneva “Storie speciali di persone normali”; sino ai magici scenari della saga fantasy di Simone Alessi, “Blake – il divenire degli dei”. Tantissime altre novità nei prossimi mesi. Buona lettura a tutti.

SEZIONE NARRATIVA

La luna allo zoo di Roberto Addeo

La Luna allo Zoo di Roberto Addeo

Casa editrice: Il Seme Bianco

Genere: Narrativa

Il racconto di una vita vissuta ai margini, con la dignità di chi crede ancora che ci possa essere un futuro migliore. Questo e altro è La luna allo zoo di Roberto Addeo, la confessione lucida e disincantata di un ragazzo che lotta ogni giorno per riservarsi un piccolo posto del mondo. Addeo dipinge con struggente poesia piccoli affreschi di vita quotidiana spesso crudeli e avvilenti, e li avvolge di una sottile ironia che permette al lettore di sperare che il protagonista ce la farà, che nonostante commetta errori e spesso si arrenda allo squallore della sua esistenza, troverà infine la forza di rialzarsi.LEGGI COMUNICATO STAMPA COMPLETO

 

 

Quel figlio negato francesca ognibene

Quel figlio negato di Francesca Ognibene

Casa editrice: L’erudita editore

Genere: Drammatico

Ci sono storie che meritano di essere raccontate. Quel figlio negato è una di queste. Francesca Ognibene narra con la delicatezza di una donna e l’onestà di una scrittrice il dramma di chi si sente madre ma non può avere la gioia di tenere un bambino in braccio. La storia di Virginia è quella di troppe donne che lottano per anni contro i limiti del proprio corpo, contro una natura crudele, contro gli ostacoli della burocrazia italiana in materia di adozioni. Non è un romanzo facile, non c’è consolazione alla fine, c’è solo la vita nella sua brutalità e nelle sue ingiustizie. È una storia che ti entra dentro e ti mostra tanta verità e tanta forza; è un pugno allo stomaco che vale la pena ricevere.

LEGGI COMUNICATO STAMPA COMPLETO

 

Caneva_Storie-speciali-di-persone-normali

Storie speciali di persone normali di Marco Caneva

Casa editrice: Caosfera edizioni

Genere: Raccolta di racconti

Dieci storie, dieci modi di vedere la vita, di scoprire il proprio coraggio, di abbandonarsi al flusso dell’esistenza. Dieci racconti di quel momento particolare in cui si ha la sensazione di superare un limite, di essere presenti a sé stessi come mai prima, di fare la differenza. Marco Caneva racconta di gente comune e del suo quotidiano, illuminando i gesti e i pensieri di uomini e donne che altrimenti non verrebbero mai considerati. Dall’Afghanistan alla Korea del Nord, passando per l’Italia e viaggiando verso un futuro lontano, Storie speciali di persone normali ricorda a chi legge che dentro ogni uomo batte il cuore di un combattente, e non importa se le azioni dei personaggi dei racconti siano silenziose o eclatanti, perché ciò che conta è provarci, e non arrendersi.

LEGGI COMUNICATO STAMPA COMPLETO

 

 

SEZIONE FANTASY

Il fuoco segreto di Altea

Arconti Ombra di Isabel Harper

Casa editrice: Edicart / Storybox Creative Lab

Genere: Fantasy

Gli Arconti Ombra, primo capitolo della saga fantasy in quattro volumi Il fuoco segreto di Altea, descrive un mondo dalle forti tinte steampunk, popolato da esseri straordinari e ricco di ambientazioni originali che contengono echi dei lavori di H.G Wells e Jules Verne. Temi come l’amicizia, il coraggio e la forza della verità e della giustizia trovano risalto nelle avventure del protagonista Ailan, nelle sue relazioni con creature bizzarre, e negli scontri con personaggi inquietanti e crudeli che determineranno ancora di più il suo percorso di crescita e di consapevolezza dell’ingannevole realtà che lo circonda

LEGGI COMUNICATO STAMPA COMPLETO

 

 

Simone Alessi - Blake

Blake. Il divenire degli dei di Simone Alessi

Casa editrice: Vertigo Edizioni

Genere: Saga Fantasy

Un fantasy che trascende il suo genere di appartenenza per esplorare i territori della mente e della coscienza degli esseri umani, miscelando a leggende antiche, dogmi religiosi e divinità profane un futuro tecnologico in cui la cultura e il mito sono stati messi da parte in favore di una vita incentrata sul materialismo. È la storia di Blake, un ragazzo che contiene in sé un universo di segreti e potenzialità sovrumane, e del suo duro percorso verso l’accettazione di una diversità che l’ha reso emarginato da una società miope. Una storia originale e coinvolgente, in cui la magia si intreccia al destino degli uomini, e in cui l’arte e la storia del passato diventano parti importanti di un viaggio tragico ma necessario alla ricerca del bene più prezioso di Blake, il vero sé stesso.

LEGGI COMUNICATO STAMPA COMPLETO

 

Proponi la lettura del tuo libro allo Staff del Taccuino Ufficio StampaIl Taccuino Ufficio Stampa

Guida completa ai programmi radiofonici su libri, scrittori e letteratura 

La cultura in etere. Sono innumerevoli i format radiofonici dedicati alla letteratura, agli scrittori e all’editoria (mainstream ed indipendente che sia). Decine e decine di rubriche che affollano ogni giorno una miriade di palinsesti delle più svariate emittenti radiofoniche di ogni zona d’Italia. Eccovi un’ ampia (e speriamo puntuale) panoramica delle principali trasmissioni dedicate al favoloso mondo dei libri e degli scrittori.  Non abbiamo inserito i programmi  in base a freddi dati statistici di ascolto; abbiamo stilato questa lista in ordine temporale di programmazione dal Lunedì alla Domenica; dalle prime ore dell’alba sino a sera inoltrata (oltre le due sezioni presenti all’inizio e alla fine dell’elenco: “In onda tutti i giorni” e “Altri programmi”). Troverete di tutto: programmi con interviste agli autori, format sui grandi classici, trasmissioni per scrittori esordienti, veri e propri rotocalchi su argomenti alquanto sui generis  (scrittura creativa o graphic novels), podcast dedicati alla cultura o all’arte in generale ed i più svariati cultural open-mics . Siamo ben lieti di accettare suggerimenti, critiche ed integrazioni. Buona lettura e buona scoperta verso questo incredibile sottobosco in etere dedicato alla letteratura!    
A cura di Frank Lavorino – Il Taccuino Ufficio Stampa Bologna Il Taccuino Ufficio Stampa per scrittori

IN ONDA TUTTI I GIORNI:

RADIO RADIO – Accarezzami l’anima

http://www.radioradio.it/

Va in onda: Lunedi – Sabato ore 6:00-8:00
Conduttore/i: Mimmo Politanò e Ileana Linari

Accarezzami l'anima radio radio
Un programma fatto di simboli, storia, 
letteratura, arte, oroscopo, notizie di 
musica e sport, dal mondo….ma 
soprattutto dalla nostra città! 
Roma al centro dell’universo!!

 

RADIO CITTA’ FUJIKO BOLOGNA – Breakfast Club

https://www.facebook.com/breakfastclubfujiko    

Va in onda: tutti i giorni dalle 7.30 alle 9.20 
Conduttore/i: Wiliam Piana

La colonna sonora del vostro risveglio e della prima colazione: 
lettura delle prime pagine dei quotidiani principali, approfondimenti di periodici 
e inserti, interviste curate dalla redazione e insieme a William Piana rubriche 
musicali, libri, mostre, teatro... perché sia davvero un "buongiorno"

 

RADIO PIANETA – Pianetamente

http://www.radiopianeta.it

Va in onda: Lunedì – Venerdì dalle 7:45 alle 8:00
Conduttore/i: Patrizia Davanzo

PIANETAmente è lo spazio che Radio Pianeta dedica ogni giorno a riflessioni diverse 
prendendo spunti da citazioni, aforismi, libri e storie di vita e abbinando i 
contenuti a brani musicali in tema. Protagonisti sono anche i radioascoltatori che 
con i loro racconti e le loro richieste animano la rubrica e condividono le 
esperienze “di cuore e di mente” in un viaggio di “pensieri e parole”. 

 

RADIO DIFFUSIONE PISTOIA – Un libro al giorno

http://www.radiodiffusionepistoia.com/

Va in onda: Lunedi –Venerdì alle 8:40
Conduttore/i: Dario Breschi

 

RADIO CITTA’ DEL CAPO BOLOGNA – Piper piper

http://www.radiocittadelcapo.it/listen/

Va in onda: Lunedi – Giovedì alle 10:00 alle 12:00
Conduttore/i: Massimiliano Coletti

Piper piper radio citta del capo bologna



PIPER-Piper è musica, cultura, notizie e 
caffè bollente. 

 

RADIO POPOLARE MI e BUNKER Bolzano – Note dell’autore

http://www.radiopopolare.it/

Va in onda: Lunedì – Venerdì alle 12:30

Un appuntamento quasi quotidiano, sintetico e significativo con un autore. 
Note dell’ autore è letteratura, saggistica, poesia, drammaturgia e molto altro. 
Tutto concentrato in sei minuti, più o meno il tempo di un caffè! 
La sigla è: “Take Five” – Sachal studios’ orchestra (Pakistan)

 

Due minuti un libro

http://www.dueminutiunlibro.it/

Va in onda: su 130 emittenti ad orari differenti

Ogni giorno, in un paio di minuti, raccontiamo un libro: la sua storia, 
i personaggi, ciò che i giornali hanno detto, ecc. Lo scopo è informare 
e incuriosire gli ascoltatori sulle nuove uscite in libreria. 

Un’informazione libraria che va dal romanzo al libro di cucina, dal 
thriller al fantasy, dal saggio al manuale, passando anche attraverso i 
fumetti, gli audiolibri, gli horror, i psicothriller, le inchieste e i 
libri junior… insomma ce n’è per tutti.

 

RADIO RADIO 3 – Fhareneit

http://www.raiplayradio.it/programmi/fahrenheit/

Va in onda: Lunedì – Venerdì alle 15:00

FAHRENHEIT è il programma dedicato ai libri e alle idee. Un pomeriggio fatto di 
storie, di incontri e di eventi dai festival letterari. E dove trovano posto 
le parole degli scrittori e dei poeti, ma anche le scelte dei lettori, degli editori 
e dei gruppi di lettura. Il luogo dove si ritrovano gli amanti dei generi letterari 
e quelli dei classici, gli appassionati della narrativa contemporanea e coloro che 
prediligono la tradizione dei classici. Tutto questo è Fahrenheit, dalle 15.00 
alle 18.00.

 

RCV RADIO NETWORK TRAPANI – Freedom

http://www.rcv.it/

Va in onda: Lunedì – Venerdì alle 16:00
Conduttore/i: Patrizia Vivona

Patrizia Vivona da oltre 7 anni scrive ed elabora testi per svariati blog, 
la sua continua voglia di cambiamento le ha permesso di confrontarsi con molteplici 
contesti. Ha uno spiccato senso critico ed è appassionata di libri che non smette 
mai di comprare. La sua passione per la radio nasce un po’ per caso; un’avventura 
che le trasmette ogni giorno sensazioni ed emozioni diverse contrastati e allo 
stesso tempo meravigliose. Ad aiutarla, oltre alla sua dialettica è la compagna di 
avventure Muraca che l’ha seguita e continua a farlo e la quale le ha trasmesso 
la visione di un mondo fantastico dentro una sala regia. Va in onda dal lunedì 
al venerdì dalle ore 16 alle ore 17.30 con Freedom

 

RADIO RADIO 3 – Ad alta voce

http://www.raiplayradio.it/programmi/adaltavoce/

Va in onda: Lunedì – Venerdì alle 17:00

Una riduzione radiofonica dei grandi romanzi, accompagnata dalla grande musica 
di Radio3

 

LUNEDI’ LUNEDI’ LUNEDI’

RADIO POPOLARE VERONA  – Note a margine

http://www.radiopopolareverona.com/old/?q=programma/7281

Va in onda: Lunedì 9:35 - 10:00; Venerdì 17:00 - 17:30
Conduttore/i: Fabio Testini

Note a margine, radio popolareOgni settimana la proposta di un poeta, di una 
poetessa, di un collettivo, pillole di poesia 
moderna e contemporanea, le letture spesso 
affidate alla voce degli autori, a volte ad 
interpreti professionisti altre ad altri 
improvvisati, talvolta agli ascoltatori. 
Il programma unisce in questo progetto la Poesia 
e la musica, la Musica e la poesia. “Il poeta è 
un uomo vocato al ritmo. La poesia è innanzitutto 
una sostanza sonora, una forma acustica fatta di 
accenti, toni, battiti.[…] 

 

RADIO POPOLARE Vr – Fuori casa, una finestra sul mondo

http://www.radiopopolareverona.com/old/?q=programma/8532

Va in onda: Lunedì 10:30 e in replica Mercoledì alle 5:00 del mattino
Conduttore/i: Maurizio Falincani

“Fuori casa - Una finestra sul mondo” è un programma di approfondimento di fatti
e storie dal mondo, poco conosciute, non trattate generalmente dai normali canali 
di informazione. In questo programma, ideato e condotto da Maurizio Facincani, 
con la collaborazione di Giorgio Vincenzi, non vale il detto “fa più rumore un 
albero che cade che un'intera foresta che cresce”, perché racconta storie e 
descrive fatti, non solo negativi ma anche positivi, che arrivano da una rete di 
collaboratori/amici sparsi nel mondo. Il programma vuole essere un’occasione per 
offrire agli ascoltatori uno sguardo su ciò che accade “fuori casa”, cercando di 
stimolare la voglia di approfondire e “andare in fondo alle notizie”, anche di 
quelle a volte scomode o che dopo il clamore iniziale finiscono per essere 
dimenticate. I fatti raccontati saranno lo spunto per confronti e valutazioni 
sulle ricadute che possono avere là dove accadono ed anche a casa nostra.

 

RADIO BUDRIO BOLOGNA – La radio che si legge

http://www.radiobudrio.it/

Va in onda: Lunedì alle 11.30 e alle 17.30
Conduttore/i: Stefano Milani

Un libro letto, raccontato e commentato, ogni settimana. Stefano Milani 
ci presenta in 300 secondi ogni puntata scrittori ed opere incuriosendo 
ed invitando alla lettura

 

RADIO ONDA D’URTO – BRESCIA – Flatlandia

http://flatlandia.radiondadurto.org/

Va in onda: ogni Lunedì la prima parte dalle 12.30 alle 13.00;la seconda parte 
dalle 13.30 alle 14.30. La replica va in onda Martedì all’1.00

Conduttore/i: Simone Cavagnini, Kika Negroni, Chica Bighè, Andrea Pisati e 
tanti altri


fltalndia radio onda d'urto brescia
Flatlandia è la trasmissione dedicata a libri e letture di 
Radio Onda d’Urto ideata da Sancho Santoni. 

C’è poi uno spin-off di Flatlandia, una trx di letture, che 
va in onda a martedì alterni dalle 20 alle 21, che abbiamo 
chiamato come un romanzo di Federigo Tozzi "Ad Occhi Chiusi"

 

RADIO FRAGOLA TRIESTE – A me piace la letteratura pop

http://www.radiofragola.com/a-me-mi-piace-la-letteratura-pop/

Va in onda: Lunedì 13.35

In ogni puntata un libro alle prese con il Cinico Recensore. Senza peli sulla lingua 
con quell’attitudine DIY che lo contraddistingue

 

RADIO GALILEO UMBIA – Per Brevità Chiamato Artista

http://www.radiogalileo.it/programmi/lista-programmi/per-brevita-chiamato-artista 

Va in onda: Lunedì dalle 16 alle 17,45 ed il Martedì dalle 16,30 alle 18
Conduttore/i: Alessandro Cavalieri

Alessandro CavalieriL’appuntamento è dedicato a tutti quelli che, non 
sapendo cosa scrivere sulla Carta d’Identità, per 
brevità, scrivono semplicemente : Artista. Se fate 
parte di queste schiera di “incerti”, è lo show 
che fa per voi…Se invece siete semplicemente dei 
curiosi interessati, è l’occasione per saperne 
qualcosa in più. Interviste, collegamenti, news dal 
mondo dell’arte..cantanti, attori, artisti emergenti 
o già emersi, si “concedono”, radiofonicamente 
parlando, ai microfoni di Radio Galileo.

 

RADIO CERNUSCO STEREO – Settegiorni

http://www.rcs939.it/

Va in onda: Lunedì ore 19:00
Conduttore/i: Isabella Rotti

Rubrica condotta da Isabella Rotti (appuntamenti di cultura, arte e intrattenimento 
di Milano e provincia)..

 

KOPER CAPODISTRIA –  Artevisione Magazine

https://www.rtvslo.si/tvcapodistria/articolo/1920

Va in onda: Lunedì 20.30, anche canale televisivo
Conduttore/i: Laura Vianello

Arte visione magazine koper capodistria
Artevisione, settimanale di arte e cultura 
radio e televisivo, ideato e condotto in 
studio da Laura Vianello. Letteratura, arte, 
musica, cultura.

 

RAI STEREO 1  – Chiave di Lettura

http://www.raiplayradio.it/programmi/chiavedilettura/

Va in onda: Lunedì E Venerdì alle 21.02
Conduttore/i: Alessandra Rauti 

ALESSANDRA RAUTIL'appuntamento bisettimanale con un libro e il 
suo autore. Le firme più prestigiose della 
letteratura, quelle meno conosciute, oppure 
quelle esordienti, raccontano la storia che 
anima le pagine del volume appena pubblicato. 
Un modo per conoscere non solo la trama ma anche 
personaggi e luoghi. Un confronto con il reale 
o l'immaginario, con l'attualità o l'antico, 
con drammi sociali o argomenti più leggeri. 
Una conversazione a due voci dedicata a 
chi ama la lettura.

 

 

MARTEDI’. MARTEDI’. MARTEDI’.

RADIO TRENTINO IN BLU – Ritagli d’autore

http://www.trentinoinblu.it/Palinsesto/Programmi/Ritagli-d-autore

Va in onda: Martedì ore 12:35

Una finestra sulle principali mostre d’arte e sugli eventi culturali legati a 
pittura, scultura, fotografia, in onda ogni martedì mattina alle 10.35 ed in 
replica il venerdì alle 18.30.

 

RADIO CITTA’ FUTURA – (S)punti di vista

http://www.radiocittafutura.it/

Va in onda: Martedì ore 12:00
Conduttore/i: Flaminia Naro


Flaminia Naro Radio Citt Futura

Il martedì alle 12.00 c'è Flaminia Naro con
i suoi Spunti di vista. 

Ogni settimana autori di libri e registi 
cinematografici, attori e critici d'arte...

Insomma i protagonisti della scena culturale 
italiana, per offrire suggestioni, punti 
di vista, spunti di confronto

 

RADIO 3 NETWORK – Ciao Gender

https://www.radio3.net/ciaogender/

Va in onda: il Martedì alle 18:00 e la Domenica in replica alle 22:30

Ciao-Gender- programma radio
Rotocalco di informazione LGBTQ a Siena e 
provincia: spettacolo, musica, teatro, 
letteratura, arte, salute e prevenzione.

 

RADIO FRAGOLA TRIESTE – Retorika!

https://www.facebook.com/RetorikaRadioFragola/

Va in onda: Martedì ore 21:30

Ogni martedì sera alle ore 21 e 30 l’ardito programma entra nel vostro ambiente 
domestico mediante l’apparecchio radiofonico per educarvi ed asservirvi al Partito 
Retorika. Si dibatte di scelte musicali e letterarie, di cinematografo, d’attualità 
e di aulici passati. Si ascolta musica industriale, futurista, d’avanguardia, 
occulta, elettronica, posteriore-al-punk e di nuova ondata, oltre ai rumori del 
vibrante fervore notturno degli arsenali e dei cantieri, incendiati da violente lune 
elettriche. Tacete ed ascoltate Retorika! Disciplina!

 

 

MERCOLEDI’ MERCOLEDI’ MERCOLEDI’

RADIO BUDRIO BOLOGNA – Carta Vetrata

http://www.radiobudrio.it




Conduttore/i: Alberto Gaffi
Va in onda: ogni Mercoledì alle 11.35 e la Domenica 
alle 10.30

 

RADIO GODOT – Stazione Letteraria

http://www.radiogodot.it/

Va in onda: ogni Mercoledì alle 17:00
Conduttore/i: Eleonora Marsella e Maurizio Costa

 

CONTATTO RADIO MASSA – La nave dei folli

https://www.facebook.com/La-Nave-dei-Folli

Va in onda: ogni Mercoledì alle 22,30 in replica e il Sabato alle 17.40
Conduttore/i: Davide Lazzaroni


Davide Lazzaroni La nave dei folliLa Nave dei Folli è un programma notturno ideato e 
condotto da Davide Lazzaroni, in onda da quasi 20 
anni sulle frequenze dell''emittente radiofonica 
Contatto Radio Popolare Network (89.800 MHz per 
Massa Carrara e Versilia) allo stesso orario. 
la Nave dei Folli vuole essere un vascello ideale, 
libero e libertario, capace di condurre gli 
ascoltatori e gli ospiti a bordo attraverso rotte 
non usuali, partendo dalla musica e spingendosi 
senza limiti in ogni forma di espressività umana. 
Frequenti le citazioni letterarie ed i rimandi a produzioni 
cinematografiche o comunque ad opere che hanno arricchito la storia dell'arte..
Nel crogiolo alchemico della Nave dei Folli si fondono assieme tutti gli elementi 
che stuzzicano la curiosità di chi ascolta e di chi tiene salda la barra del timone. 
Un'avventura per palati fini…e stomachi forti.

 

GIOVEDI’ GIOVEDI’  GIOVEDI’

RADIO TRENTINO IN BLU – Un’ occhiata in libreria

http://www.trentinoinblu.it/Palinsesto/Programmi/Un-occhiata-in-libreria

Conduttore/i: L’autore del libro
Va in onda: Giovedì alle 11.40 e in replica il Lunedì alle 18.35

Le principali novità dell’editoria locale presentate direttamente dalla voce 
dei loro autori ai microfoni di Trentino in Blu. Da ascoltare e… da sfogliare. 
Giovedì alle 11.40 ed in replica il lunedì alle 18.35.

 

RADIO TRIESTE CITY – Citylegge

http://www.radiocitytrieste.it/WP/programmi/citylegge/

Va in onda: il Giovedì 16:00-18:00
Conduttore/i: Luisella Pacco

Contenitore culturale per parlare di libri, poesie, narrativa, saggistica, teatro. 
Ogni settimana un autore da conoscere - presente in studio o in collegamento 
telefonico - o da riscoprire insieme sfogliandone le opere

 

RADIO BIG WORLD (Madrid) – Radio book

http://www.peoplefromsalento.it/

Va in onda: Giovedì alle 18:30
Conduttore/i: Giulia Mastrantoni

Nasce Radio Book, la radio degli scrittori indipendenti. Un programma firmato dal 
blog Gli Scrittori della Porta Accanto che va in onda ogni giovedì, curato Giulia 
Mastrantoni. Il programma è nato grazie alla collaborazione con Radio Big World, 
web radio di Madrid gestita da gli speaker Davide e Giorgio.

 

RADIO DOLOMITI – Viaggio nella Scrittura

http://www.radiodolomiti.com/viaggio-nella-scrittura-3/

Va in onda: Giovedì alle 19 e in replica Sabato alle 12.45
Conduttore/i: Stefano Piffer

Itinerari veri e immaginari tra le pagine dei libri degli autori trentini. 

 

RADIO 3 NETWORK – Tim Magazine

https://www.radio3.net/timmagazine/

Va in onda: Giovedì alle 17.05
Conduttore/i: Roberta Nicolò  Mirco Roppolo Murakami Mao (gatto)

In onda la stagione n. 3 del programma dedicato alla cultura e realizzato 
tra Toscana e Ticino.Ogni settimana conosceremo personaggi italiani e 
svizzeri che operano in vari settori, dall’arte alla musica e a qualsiasi 
altra forma di espressione e comunicazione. Nella nostra sede di Lugano c’è 
Roberta Nicolò, redattrice e ideatrice del programma, e anche conduttrice 
insieme a Mirco Roppolo (dalla sede centrale di Poggibonsi). 
Per il reparto coccole, non poteva mancare il gatto più amato della 
radio: Murakami Mao.

 

ONDA D’URTO BRESCIA – Lo scaffale di Priamo

https://www.facebook.com/pg/loscaffalediPrimo/

Va in onda: Ogni primo Giovedì del mese alle 21:00

Sguardi da/per/su l'editoria indipendente e critica.

 

VENERDI’. VENERDI’. VENERDI’.

RADIO POPOLARE MILANO – Cult

http://www.radiopopolare.it/trasmissione/cult/

Va in onda: Il Venerdì 11,30 – 12,30
Conduttore/i: Ira Rubini

Cult è il quotidiano culturale di Radio Popolare (107.6). Cult è 
condotto da Ira Rubini e realizzato dalla redazione culturale di R.Popolare. 
Cult è cinema,Ira rubini arti visive, musica, teatro, letteratura, 
filosofia, sociologia, comunicazione, danza, fumetti e 
graphic-novels… e molto altro! Cult è in onda dal lunedì 
al venerdì dalle 11.30 alle 12.30.L’archivio dei contenuti 
delle passate stagioni di Cult 
lo trovate qui: cult.radiopopolare.it 
La sigla di Cult è “Two Dots” di Lusine.

 

RADIO CITTA’ APERTA ROMA – Webook

https://www.radiocittaperta.it

Va in onda: Il Venerdì dalle 12:00 alle 14:00
Conduttore/i: Orietta Cecchini

 

RADIO BLACK OUT (TO) – Era una notte buia e tempestosa

http://radioblackout.org/palinsesto/era-una-notte-buia-e-tempestosa/

Va in onda: il Venerdì alle ore 15:00

Un programma per parlare di scrittura, rivolta a chi vuole provare a 
scrivere, o già scrive e vorrebbe pubblicare, oppure si accontenta di 
leggere ma gli piacerebbe capire meglio come fanno gli scrittori. 
Quali i confini tra i generi, come si presenta un personaggio, come si 
costruisce una trama, come si crea un’atmosfera. Cosa sono l’incipit, 
l’editing, il flashback e l’e-book. Leggiamo e commentiamo branidi 
autori morti e viventi, italiani e stranieri, famosi e sconosciuti. 
Sono in regia con noi Emilio Salgari, Jack London, Beppe Fenoglio, 
Italo Calvino e James Ellroy. Spulciamo i libri che sull’argomento 
sono già stati scritti, curiosiamo sui siti e sui blog. Cerchiamo 
di orientarci nel mercato editoriale, un mondo affollato da sognatori 
ma anche da gatti e volpi. Per cui parliamo anche di diritto d’autore, 
lettere di presentazione, contratti di edizione, editori a pagamento, 
auto-pubblicazione e concorsi veri e finti.

  

RADIO GODOT – Book Reporter

http://www.radiogodot.it/


Va in onda: ogni Venerdi alle 18:00
Conduttore/i: Alessandro, Laura ed Aurora (cognomi top secret)

Radio godot libri


FLASH TORINO + RADIO POPOLARE – Artscapes

http://www.radioflash.to/programmi/artscapes/

http://www.radiopopolare.it/trasmissione/artscapes-soundscapes/

Va in onda: Il primo Venerdì del mese e in replica il terzo alle 20:00
Conduttore/i: Marco Aruga

artscapes radio flash torinoStorie, immagini e suoni contemporanei. 
Incontri, racconti ed interviste dal 
paesaggio dell’arte, dell’architettura, del 
design, della letteratura, dei nuovi media, 
della gastronomia… Artscapes è un viaggio 
nella creatività contemporanea, insieme a 
personaggi impegnati in discipline e campi 
di ricerca che spesso si intersecano e sono 
in dialogo tra di loro. Ci accompagna la 
musica, selezionata in ampi spazi di tempo e 
luogo, di provenienza e di ispirazione, per 
sottolineare le peculiarità dei nostri 
appuntamenti.

 

KOPER CAPODISTRIA – Quarta di copertina

 https://www.rtvslo.si/tvcapodistria/articolo/1921  (Show anche televisivo)

Va in onda: Venerdì - 20:45
In studio: Ospiti, interviste ad autori ed editori. Non solo libri.

 

 

SABATO, SABATO, SABATO

RADIO 24 – Il cacciatore di libri

http://www.radio24.ilsole24ore.com/programma/cacciatore-libri

Va in onda: Sabato ore 6.20 e alle 22.00
Conduttore/i: Alessandra Tedesco

Un inviato virtuale in libreria per 
scoprire le novità editoriali, ma anche 
per rivalutare romanzi pubblicati da 
tempo. In ogni puntata un incontro con 
uno scrittore per parlare del libro e non 
solo. Curiosità sul mondo dell' editoria, 
festival culturali e tendenze.

 

RADIO CAPITAL – Libri a colacione 

https://www.facebook.com/pg/CapitalWeekend/about/

Va in onda: Sabato 7:10-10:00 e Domenica 9:00-12:00
Conduttore/i: Camilla Fraschini

La Cami è la più giovane speaker di Radio Capital: ha 33 anni, vive a Roma, 
è sorridente, dolce, ama le cose belle: cibo, moda, libri… Sì, ama i libri, e le è 
piaciuto da subito lo stile Personal Book Shopper, il nostro modo originale di 
consigliare libri in base all’umore del lettore e non ai classici percorsi di 
lettura. Ha deciso di scommettere su di noi, e non la deluderemo. 
Ospiterà le Personal Book Shopper ogni settimana nella sua trasmissione Capital
Weekend in onda su Radio Capital il sabato dalle 7.00 alle 10.00 e la domenica 
dalle 9.00 alle 12.00.

 

RADIO SPAZIO NOI – Curarsi con i libri

https://www.radiospazionoi.arcidiocesi.palermo.it/

Va in onda: Sabato alle 10.06
Conduttore/i:  Giovanna Curiale e Luana Luppo

Rimedi letterari per tutti i malanni, veri o finti

 

RADIO POPOLARE MILANO – Sabato Libri

http://www.radiopopolare.it/trasmissione/sabato-libri/

Va in onda: Sabato alle 10.38
Conduttore/i: Roberto Festa

Sabato Libri è la trasmissione di libri e cultura di Radio Popolare. 
Ogni settimana, interviste agli autori, approfondimenti, le novità del dibattito 
culturale, soprattutto la passione della lettura e delle idee.

 

RADIO LOMBARDIA – Lombardia in libreria

https://www.radiolombardia.it/programmi/lombardia-in-libreria/

Va in onda: Sabato alle ore 12:30
Conduttore/i: Paola Farina


Paola Farina Radio Lombardia

I libri appena pubblicati, quelli “da leggere”, 
romanzi, saggi, storie di mondi lontani o racconti 
del nostro territorio. 


Ogni settimana, il sabato alle 12.30, “Lombardia in 
Libreria” dà voce agli autori che 
presentano le loro novità editoriali.

 

RADIO ONDA ROSSA  – Tabula Rasa

http://www.ondarossa.info/trx/tabula-rasa

Va in onda: Ogni 15 giorni, di sabato dalle 13 alle 14.

La trasmissione che parla di libri, attraverso recensione e interviste. 
Editoria indipendente, reading, letture di classici, iniziative ed eventi. 
FM 87.9 Roma 

 

RADIO RAI 3 – Pantheon

http://www.raiplayradio.it/programmi/pantheon/

Va in onda: il Sabato alle 18:00

È il programma che da voce a scrittori, umanisti e scienziati che hanno reso 
grande la nostra storia e la nostra cultura con opere indimenticabili che 
hanno ancora hanno un'eco nel nostro tempo e continuano a comunicare con noi. 

Protagonisti del Pantheon di Radio3 fino ad oggi: Niccolò Machiavelli, Galileo 
Galilei, Cesare Beccaria, Dante Alighieri, Albert Einstein, William Shakespeare, 
Claudio Abbado, Johann Wolfgang  Goethe, Tommaso Moro, John R. R.Tolkien, Primo 
Levi e Don Lorenzo Milani.

  

RADIO RADICALE – Le parole e le cose

http://www.radioradicale.it/rubriche/1215/le-parole-e-le-cose

Conduttore/i: Massimiliano Coccia
Va in onda: Sabato alle 20:00


Le parole e le cose, radio radicale

Uno spazio di conversazione ed analisi con i maggiori scrittori, 
autori ed intellettuali del panorama nazionale ed internazionale

 

 

DOMENICA DOMENICA DOMENICA

CITTA’ DEL CAPO BOLOGNA – La colazione dei campioni

https://www.facebook.com/LaColazioneDeiCampioniRcDC/

Va in onda: ogni Domenica dalle 13.30
Conduttore/i: Massimiliano Coletti

La Colazione dei Campioni è il nuovo programma radiofonico dedicato alle scritture 
contemporanee di Radio Città del Capo.Va in onda la domenica mattina alle 13.30. 
Un orario strano in un giorno difficile da definire. Sì perché potresti esserti 
appena alzato. Non saremo certo noi a giudicarti. O potresti esserti appena messo a 
tavola. Anche qui, sono fatti tuoi.Magari segui il calcio e stai andando in macchina 
allo stadio, o magari per te tutto è esattamente com’era ieri. Bene. Avanti così.
Da oggi però, hai una possibilità in più.Puoi accendere la radio, le frequenze 
le sai già.E puoi continuare a fare quello che stavi facendo.Noi saremo lì: 
Elena Cirioni e Massimiliano Colletti. Parleremo di libri, ma non correre. 
Niente lezioni, non siamo a scuola.Magari ti presentiamo qualche scrittore che non 
si vede tanto in giro, o ti raccontiamo di qualche libro che non pensavi esistesse.
Bè, certo. Ci sarà anche la musica. Siamo pur sempre in radio.Ok. Allora tutto 
confermato. Appuntamento per domenica alle 13.30 su Radio città del capo.

 

NOVA RADIO FIRENZE – Il garage ermetico

http://www.novaradio.info/programmi/il-garage-ermetico/

Va in onda: Domenica ore 21:00 e il Martedì in replica alle ore 16:00

il garage ermetico - Nova radioIl Garage Ermetico è radio, teatro, vino, 
spettacolo, sperimentazione: in una sola 
parola, cultura? Un viaggio alla ricerca 
di una destinazione ancora da capire, 
diversa e inaspettata, ma tessuto su storie 
e temi che ognuno di noi conosce da sempre. 
Ma non “come” le conoscete. 
Cosa aspettarsi: una nuova esperienza a 
metà tra la radio e il teatro. Un nuovo 
modo di leggere quello che 
si pensava di conoscere, sorridendo, 
scherzando, ascoltando una buona musica, 
scoprendo che dietro ad alle storie che 
da sempre conosciamo e abbiamo scoperto 
da sempre, c’è tutto un altro mondo da 
intravedere e costruire con uno sguardo 
laterale. Una varietà di artisti e un pubblico che vivrà in modo differente un 
esperimento di meta-teatro sono gli ingredienti per questo esperimento, in cui si 
vuole avvicinare i giovani in questo luogo bizzarro a metà tra il teatro e 
la radio, sentendosi complici di un momento stra-ordinario.

 

ALTRE RUBRICHE

RADIO RAI 1 – Neve

http://www.raiplayradio.it/programmi/neve/

Tante voci, tra le migliori del panorama della letteratura italiana contemporanea, per un’unica storia. Una staffetta di scrittura liberamente ispirata al cadavre exquis surrealista. Ogni giorno, dall’11 al 25 dicembre, un tassello di narrazione, affidato ad uno scrittore diverso, per arrivare al gran finale natalizio di un racconto compiuto.Nessuna regola se non quella di scrivere 2000 battute e prendere il testimone dallo scrittore precedente. Un regalo per gli ascoltatori, un calendario dell’Avvento in onda ogni giorno a Qui comincia, Fahrenheit e Radio3 Suite. Scritto da, in ordine di apparizione, Marco Lodoli, Marcello Fois, Teresa Ciabatti, Nicola Lagioia, Antonella Lattanzi, Diego De Silva, Matteo Nucci, Emanuele Trevi, Bianca Pitzorno, Donatella Di Pietrantonio, Simona Vinci, Giancarlo De Cataldo, Elena Stancanelli, Maurizio de Giovanni, Andrea Bajani. Ogni giorno ascolteremo la voce di uno scrittore diverso. La lettura integrale del racconto, in onda il 25 dicembre alle 20.30, è affidata all’attore Valerio Aprea.

 

RADIO CITTA’ FUTURA – Sezioni libri

http://www.radiocittafutura.it/index.php/libri

 

RADIO FLASH TORINO – Il libro della settimana

http://www.radioflash.to/programmi/illibrodellasettimana/

 

RTL – Sezione recensioni libri

https://www.rtl.it/notizie/recensioni/recensioni-libri/

a cura di Ivana Faccioli

 

RADIO RAMA  – Primer

http://www.peoplefromsalento.it

Conduttore/i: Simona Colletta

 

RADIO BIG WORLD

http://radiobigworld.com/

Programmi: Lettura Integrale/Storia della letteratura italiana/Presentando Libri

 

RADIO LIBRI

http://www.radiolibri.it/

Emittente web radiofonica molto seguita; tantissimi i programmi presenti nel palinsesto.   Programmi: Città di carta, Classifica Audible, Il libro di oggi. Oggi incontriamo, Hai mai fatto 100 km con un libro, L’editore al centro e tantissimi altri

letteratitudine

RADIO HINTERLAND – Letteratitudine

http://letteratitudine.blog.kataweb.it/letteratitudine-radio/      Conduttore/i: Massimo Maugeri

Nel settembre del 2009, fui contattato da Gabriele Pugliese, direttore della milanese Radio Hinterland. Gabriele mi offrì uno “spazio radio” da integrare con il blog. Dopo una fase iniziale di “indecisione” (anche per via dei troppi impegni presi) accettai con entusiasmo. Nacque così Letteratitudine in Fm, lo spazio radiofonico legato al blog. Nelle prime settimane il programma “Letteratitudine in Fm” fu ospitato all’interno di un’altra trasmissione. Dal mese di maggio del 2010 il programma beneficiò di uno spazio autonomo. Da allora lo curo e lo conduco io con la collaborazione, in regia, di Federico Marin. Nel corso degli anni ho avuto l’onore e il provilegio di incrociare la mia voce con quella di alcuni dei più grandi scrittori nazionali e internazionali.

 

RADIO RADIOSA BASILICATA – Nel becco del gallo

https://www.radioradiosa.it/programma/nel-becco-del-gallo/

Conduce: Sergio Gallo 

Alberto Gaffi - Carta Vetrata

“Cosa c’è dentro quelle pagine? Qualcuno le chiama storie di carta. Ma in quelle righe c’è la sintesi di un vissuto, di una ricerca, di mille emozioni. E c’è anche armonia. Una sorta di immenso spartito composto da parole. Le senti prima nella testa quelle parole, poi passano nella pancia e nel cuore, raccolgono le tue di emozioni, le portano nella bocca e scalpitano per uscire e raggiungere altre anime. Nel becco del Gallo da voce a quell’urgenza, entrando in quelle storie di carta, cercando di incuriosirvi scovando piccoli dettagli o i profumi o la musica lì nascosti. Eh si, perché i libri non si toccano soltanto e non soltanto si leggono, i libri si ascoltano anche”.

 

RADIO VOCE DELLA SPERANZA – Libri e riviste

http://radiovocedellasperanza.it/category/libri-e-riviste/

Va in onda: Podcast disponibile sul sito

 

RADIO TRENTINO IN BLU –  Come dentro un libro

http://www.trentinoinblu.it/Palinsesto/Programmi/Come-dentro-un-libro

Conduttore/i: Walter Taufer

Incursioni tra le righe dei grandi autori. Walter Taufer ci porta dentro le pagine dei libri di viaggio, per scoprire i luoghi raccontati dai libri e vedere come scrittori e giornalisti, a partire dagli inizi del Novecento abbiano, a modo loro, raccontato il paesaggio e la società trentina.

 

RADIO RAI – Amabili testi

http://www.raiplay.it/programmi/amabilitesti/

Conduttore/i: Edoardo Albinati

Un curioso tra i libri degli altri. Edoardo Albinati curiosa in alcune “celebri” biblioteche private.

Per presentare e proporre il tuo libro in copia fisica e/o digitale alle redazioni di tutti questi programmi e ad i loro rispettivi conduttori in modo veloce, affidabile e professionale, contattaci su iltaccuinoufficiostampa@gmail.com

Il Taccuino Ufficio Stampa per scrittori

La Fuoriuscita – Giuseppe Lago

Un romanzo psicologico che affronta in modo particolarmente accurato il tema della psicoterapia e dei suoi eccessi, non rinunciando al piacere di una trama intrigante, a tinte gialle. Giuseppe Lago, consulente per Skytg24, Tgcom e Virgin Radio, ci conduce in un intenso e spiazzante viaggio nel mondo delle emozioni, degli affetti e delle dinamiche interpersonali. 

by Il Taccuino Ufficio Stampa

La fuoriuscita Giuseppe Lago

Titolo: La Fuoriuscita
Autore: Giuseppe Lago
Genere: Psicologico
Casa Editrice: Alpes Italia
Collana: Psicoterapia e Storia
Pagine: 278
Prezzo: 19 euro
Codice ISBN: 978886531-452-4

VIDEO PRESENTAZIONE DE “LA FUORIUSCITA”

Presentato dallo scrittore Giuseppe Lago e dal regista Livio Bordone a Roma presso la libreria Altroquando, il romanzo “La Fuoriuscita” offre un percorso narrativo all’interno del quale emergono le complesse dinamiche che si instaurano tra paziente e psicoterapeuta. L’essenza del racconto risiede nella riflessione su questa importante relazione, e di come essa possa modificare in bene o in male la vita intima e affettiva di chi si sottopone alle sedute. Attraverso le figure antitetiche dei dottori Livio Spada e Adele Lussari, lo scrittore getta luce sulle differenze tra un percorso psicoanalitico incentrato sul benessere e l’equilibrio del paziente, e quello orientato a far emergere esclusivamente la personalità carismatica del terapeuta, divenuto guida spirituale e interessato solo a creare proselitismo e adorazione. Con una prosa impeccabile e argomentativa, ricca di spunti di riflessione, di citazioni letterarie e cinematografiche e di interpretazioni oniriche, Giuseppe Lago restituisce un ritratto estremamente attuale della fragilità umana e del bisogno di appartenere a un gruppo che possa legittimare la propria esistenza. La forza del romanzo sta nel trattare di argomenti di interesse scientifico e psicologico senza disturbare lo scorrimento di una trama appassionante, venata di tinte gialle, e abitata da personaggi complessi in cui ogni lettore può trovare una parte di sé.

GUARDA INTERVISTA GIUSEPPE LAGO SU TG SKY 24

ASCOLTA INTERVISTA A GIUSEPPE LAGO SU VIRGIN RADIO

TRAMA. Martha Weber, un’artista di trent’anni, entra nello studio dello psichiatra Livio Spada. Racconta di essere fuoriuscita da un gruppo terapeutico, detto “grande gruppo”, che frequentava da otto anni. Il gruppo è gestito da Adele Lussari, psichiatra affascinante e anticonvenzionale, che ostenta un atteggiamento ribelle nei confronti dell’ambiente scientifico-culturale che la circonda, proponendo il suo metodo alternativo chiamato “psicoscienza”. Le sedute si svolgono a villa Incom, residenza e studio della Lussari. Martha racconta la sua esperienza di seguace della donna, la quale tiene due grandi gruppi con circa cinquanta persone per volta, il venerdì e il sabato. Dal racconto emerge come queste sedute di psicoterapia non siano altro che una maschera per la setta creata dalla Lussari, autoproclamatasi guru carismatico. I seguaci sono costretti ad accettare l’autorità assoluta della loro conduttrice, e ad acquisire nel tempo i tratti della sua personalità, divenendo delle copie e rinunciando al libero arbitrio. La fragilità dei pazienti è terreno fertile per la donna, che riesce a insinuare dubbi, a mettere in crisi una personalità già alterata e a divenire insostituibile per il malcapitato. Il complesso sistema persuasivo e settario è presentato in modo scorrevole e dialogico attraverso il confronto tra vari personaggi che animano la vicenda: in primis Martha e Livio, gli unici a vedere oltre la coltre di fumo che la Lussari ha generato. Martha racconterà di Diego, suo compagno, anche lui coinvolto nel sistema di villa Incom, e poi divenuto l’amante di Adele Lussari, la quale contempla la possibilità di portare il paziente alla guarigione attraverso una relazione che comprenda una fusione di mente e corpo. Livio Spada arriverà a insinuarsi nelle sedute della sedicente psicoterapeuta, e a svolgere direttamente un interessante e trascinante confronto con lei. Anche il figlio di Adele, Ezio, frequenta il “grande gruppo”, e sarà proprio lui, suo malgrado, a smascherare un sistema corrotto, attraverso un episodio violento che metterà in crisi l’opera materna e che farà conoscere al “mondo reale” le contraddizioni del suo metodo. Alla fine non resterà altro che abbandonarsi a uno tsunami, e a fare i conti con i propri errori. 

Giuseppe Lago

BIOGRAFIA. Giuseppe Lago è un medico specializzato in Psichiatria e Psicoterapia breve e integrata. Direttore dell’Istituto Romano di Psicoterapia Psicodinamica Integrata, fondatore e condirettore del periodico semestrale Mente e Cura. Ha pubblicato vari libri tra i quali: Orientamenti diagnostici in Psichiatria e Psicoterapia clinica (2002) Ma.Gi. Roma; La Psicoterapia Psicodinamica Integrata: le basi e il metodo (2006) Alpes Italia, Roma; L’illusione di Mesmer (2014) Castelvecchi, Roma; Compendio di Psicoterapia (2016) Franco Angeli, Milano.

Sito Autore

Pagina Facebook

Link Amazon

Link Booktrailer “La fuoriuscita”

L’ AUTORE È DISPONIBILE A RILASCIARE INTERVISTE:PER CHI DESIDERASSE RICEVERE UNA COPIA FISICA (SE ANCORA DISPONIBILE) O DIGITALE DEL LIBRO PER EVENTUALI APPROFONDIMENTI  O RECENSIONI PUO’ SEGNALARCELO iltaccuinoufficiostampa@gmail.com 

Promuovi il tuo libro

Il Taccuino – Ufficio Stampa per Scrittori ed Editori

- Promozione di libri su: Web-Radio-Stampa-TV
- Promozione di eventi su: Web-Radio-Stampa-TV
- Distribuzione Booktrailer
- Social Media Management
- Possibilità di rescissione del contratto con soli 30 giorni di preavviso
- Garanzia di almeno 30,60,90 contenuti pubblicati (secondo servizio)
- Spedizioni tracciate

https://www.facebook.com/iltaccuino.ufficiostampa/

Mail: redazione@iltaccuinoufficiostampa.com   Phone:+393396038451

 

 

La promozione di un evento letterario dentro e fuori dai Social

 L’organizzazione della promozione di un evento (letterario, artistico, aziendale), con il vertiginoso aumentare dei canali di comunicazione, si è trasformato in un fenomeno molto complesso da gestire al meglio. L’incredibile deframmentazione del web ha generato nel corso degli anni una miriade di sotto-canali,  Eccovi una serie di consigli pratici e meno pratici per la promozione di un evento; suggerimenti suddivisi anche in base a vincoli di budget e a quanta visibilità volete apportare alla vostre presentazioni.  

“Troppi Social ti rendono Asocial?” 🙂 – by Frank Lavorino

PRIMA PARTE

Presentazione di un libro

Cominciamo con il suddividere la promozione del nostro evento in 4 fasi:

  • Preparazione della promozione
  • Emissione della promozione
  • Ads (Ne parleremo nella seconda parte)
  • Attività Extra Social (Ne parleremo nella seconda parte)

PREPARAZIONE DELL’ EVENTO

Non parte tutto da Facebook. Il primo passo da compiere è quello di creare un comunicato stampa efficace (parte di questo testo probabilmente andrà a finire anche nel vostro evento Facebook di cui parleremo tra poco). E’ fondamentale che la vostra presentazione all’interno del comunicato stampa sia:

– Oggettiva e non di parte (se volete parlare benissimo del vostro evento o libro fate pure, ma siete voi che state parlando bene di voi stessi. Potrebbe avere la stessa valenza di un imputato che si presenta senza avvocato all’interno di un’ aula di Giustizia …..)

– Sufficientemente descrittiva già solo a partire dal titolo (il giornalista che riceve il comunicato stampa deve capire di cosa si tratta solo leggendo il titolo del vostro cs)

– Deve contenere tutti i riferimenti necessari dell’evento in questione (Genere libro, descrizione evento, elementi biografici dell’autore, casa editrice, numero pagine, luogo della presentazione con indirizzo, data, orario, mezzi pubblici disponibili, contatto telefonico, eventuale costo, link sito autore, link e-book se presente, link sito della location, link evento Facebook che andrete a creare subito dopo lasciando per ora in bianco questo campo)

– Adornate il vostro comunicato di fotografie (Copertina libro e foto autore), link video e Q-code (ricavabile dall’evento Facebook)

– Cercate di disporre il tutto in un modo che risulti particolarmente comodo da poter scaricare per la redazione che riceve il vostro materiale. Non inserite allegati pesanti e di dubbia provenienza per tutti gli sfortunati non possessori di un Mac, ma dei link brevi ed esplicitati in maniera molto chiara. Ricordatevi che il colore con il quale il nostro cervello è stato abituato a concepisce un link è l’azzurro. Esempio:

  • SCARICA E-BOOK (Privato sino al 7/09)
  • SCARICA COPERTINA
  • SCARICA FOTO AUTORE
  • SCARICA RASSEGNA STAMPA AUTORE
  • SCARICA BOOKTRAILER
  • EVENTO FACEBOOK
  • GRADISCO RICEVERE PROMEMORIA EVENTO (Vedi dopo).
  • PARTECIPA AL BOOKPARTY 

INVIO E-MAIL

Evita di inserire nel testo della mail, parole o simboli che possono far calare drasticamente il tasso di recapito delle mail come: FREE, GRATIS, NOME UTENTE, GARANTITO, CIFRE, SIMBOLO DI DOLLARI O EURO IN OGGETTO.  Ti consiglio di evitare:

  • L’uso di spazi bianchi nell’oggetto e troppi spazi nella mail
  • Un testo email troppo lungo o complesso con molte subordinate
  • Messaggi inviati in cc o ccn (in copia o copia nascosta)
  • Punti esclamativi o sospensivi nell’oggetto e nel corpo
  • L’inserimento di troppi link o di link errati
  • Inserire sfondi colorati
  • Inserire un alta percentuale di immagini
  • Di inserire un oggetto vuoto
  • Attento a come sono visualizzate parole con accento e caratteri come $ 
  • Di inviare i tuoi messaggi da client di posta come Gmail, Tiscali, Libero (affidati a piattaforme specializzate o quanto meno a Server dedicati)

Prima di inviare una mail, controlla anche:

  • Se è l’ indirizzo è verificato. Puoi testare un tool come https://apps.emaillistverify.com
  • Che nella tua lista di invio non ci siano Spamtraps (collezionare mail spamtraps significa in pratica che il vostro indirizzo è stato inserito in una o più Black List dalle quali non è cosa facile uscirne). Puoi farlo tramite il tool di cui sopra.
  • Che tutti i link si aprano in una pagina esterna al contenuto della mail (target=blank)
  • Dai una descrizione alternativa a tutte le immagini
  • Di aver fornito un link di disiscrizione della vostra Newsletter
  • Utilizza sempre lo stesso interfaccia grafico

Evento Facebook

Evento Facebook. 

Consigli mirati.

1) Scegliete con molta cura la foto dell’evento. Cercate una soluzione grafica possibilmente con del testo che facciano capire dall’immagine:

  • di che tipo di evento si tratta
  • dove e quando si svolge
  • chi è il protagonista
  • se è un evento gratis
  • includi eventuali special guest o presentatori di un certo impatto

1) Prendete subito in considerazione l’idea di includere un video e non una foto nell’immagine del vostro evento o più intelligentemente create un video che pubblicate nella copertina della vostra Fan Page che rimanda al vostro evento. Inseriremo il video nel vostro evento in un successivo momento.

2) Cercate di dare una descrizione dell’evento meno tecnica di quella del vostro comunicato stampa. Non la leggeranno solo redazioni e giornalisti.

3) Inserite il Q-code nel vostro evento

4) Nominate più pagine di co-ordinatori di un evento a cui potete fare una richiesta


 

Stato di salute della Pagina Facebook.

Sto partendo dal presupposto che la vostra pagina Facebook che pubblica l’evento in questione o la pagina del vostro libro abbia tutti i requisiti necessari ad un buon funzionamento. Ecco alcuni punti fondamentali:

La pagina deve essere verificata (basta ricevere una telefonata automatica da Facebook che vi detterà un codice al telefono, apparirà quindi sul vostro profilo un simbolo – VEDI FRECCIA VERDE NELLA FOTO UN PO’ STORTA)  

Definite il pubblico della sezione notizie. (Vi permette di scegliere a chi far visualizzare i vostri post e a creare un pubblico con maggiore target definito per le vostre Ads, vedi sotto). Non lasciate un pubblico indefinito e troppo ampio. Approfondiremo questo punto nella seconda parte di questo articolo.

– Collegate la vostra pagina Facebook ad una pagina Twitter. Per controllare se e dove il tuo account e le tue pagine sono collegate o per collegarle, vai su https://www.facebook.com/twitter

– Collegate il vostro account a Instagram (riceverete i messaggi di Instagram anche su Facebook; inoltre quando create una promozione Facebook sarà facilmente integrabile anche su Instagram)

– Create un gruppo Facebook, collegatelo alla pagina (e un link di condivisione, non un vero e proprio sharing)

– La pagina deve possedere un link personalizzato e non il primo link  che vi autoimposta Facebook

– Caricate con buona costanza video direttamente da Facebook che indicizzano i tuoi contenuti; non postate solo video tramite link (ricordatevi di inserire all’interno dei vostri video-post il tasto di recente nascita “INVIA MESSAGGIO”)

– Non postate sempre allo stesso orario

– Non create 64 post al giorno o al contrario evitate di postare raramente (ogni 5 giorni o con la stessa frequenza delle Olimpiadi!)

– Non parlate sempre e solo di voi stessi. Esistono libri, citazioni, presentazioni, recensioni di altri scrittori che non siete voi. A parte i riferimenti storici e oggettivamente acclamati dalla critica più illustre, potrebbero risultare particolarmente graditi commenti e post su colleghi attuali e contemporanei che scrivono come voi. Parlare bene di altri o semplicemente dei vostri gusti o di quello che vi piace veramente o condividere dati di pubblica utilità non può altro che farvi bene o quanto meno rendervi più simpatici alla community.

– Taggate sempre i vostri post e aggiungete una descrizione alle foto e a tutti i video che pubblicate

– Differenziate il tipo di contenuto che andate a postare (Recensioni, Interviste, Articolo Stampa, Foto, Video, Sondaggio, Audio, Un ringraziamento o un commento il giorno dopo una presentazione, Goodreads, Citazione, Diretta Streaming, Evento, Nota). Il vostro pubblico è fatto sopratutto di utenti più che da giornalisti. Evitate di rifilargli dodici recensioni consecutive o peggio innumerevoli siti di comunicati stampa che magari dispongono tutti dello stesso testo.

Vi consiglio infine di spuntare tutte queste impostazioni che seguono:

- Suggerimenti di pagine simili
- Posizione della pagina per i motivi
- Post in più lingue
- Traduci Automaticamente
- Distribuzione dei contenuti (permette il download della pagina)

 

ULTIMI PASSI PER LA PREPARAZIONE DEL NOSTRO EVENTO:

Create un video dell’evento. Potete usare il vostro canale YouTube e tenerlo in privato o potete semplice creare un video dal vostro smart-phone, editarlo e non pubblicarlo per il momento. Vi sconsiglio video spot di 20-30 secondi e maratone abnormi di 15 minuti. In sostanza cercate di non essere spiccioli, né logorroici.

Create un audio dell’evento. Potete aprirvi un account con SoundcloudMixcloud o semplicemente registrarlo privatamente per il momento. Idem come nel caso del video per quello che concerne la durata del vostro file audio.

Imposta dei promemoria. Per tutti i collaboratori più fidati o per chi ha già dato conferma alla sua partecipazione all’evento, puoi decidere di impostare un promemoria per l’invitato. Puoi farlo tramite Google Calendar o più invasivamente tramite un servizio di Invio Sms come SendinBlue (maggiore è il grado di “invadenza” che adottate nelle vostre comunicazioni, più grande deve essere il grado di “confidenza” che avete instaurato con il destinatario).


EMISSIONE DELL’EVENTO. 

FACEBOOK. Il primo passo nella promozione di un vostro evento, strano a dirsi, è quello di duplicare il vostro evento Facebook e tenere questo clone in bozza, nascosto agli occhi di tutti. Pubblicate il vostro Evento la prima volta senza taggare nessuno e ad un orario insolito di bassa visibilità. Cercate quanto prima dei collaboratori all’evento che vi diano una mano prima della diffusione ufficiale del vostro evento. Divulgare un evento Facebook con pochi iscritti può far crescere dei problemi per le promozioni a zero budget (molto spesso il partecipare ad un evento on line è anche conseguenza di una semplice moda; ricevere un invito con 190 partecipanti confermati produce un effetto diverso per alcune persone rispetto ad un invito con quattro persone confermate). Cercate di crearvi quindi uno zoccolo duro di collaboratori fidati che, accettino, invitino persone a loro volta e condividono sempre i vostri eventi PRIMA della loro diffusione ufficiale. Particolarmente utile potrebbe rivelarsi coordinarsi con il team dei proprietari della location dell’evento o con chiunque abbia interesse ad attirare un buon numero di partecipanti. Potreste obbiettare a tutto questo che basterebbe non far visualizzare il numero di invitati dell’ evento, ma l’esperienza m’ insegna che gli utenti di Facebook da sempre preferiscono sapere chi e quante persone vanno a quel’ evento. Inviare un evento senza la visualizzazione degli iscritti è come entrare in una stanza di una festa dove tutti gli invitati sono mascherati. Se poi siete amanti di certe ambientazioni kubrickiane….

  • E’ ben importante tenere sempre presente che gli eventi Facebook creati ogni giorno sono un numero impressionante, un canale quasi inflazionato direi. Vi consiglio di inoltrare i vostri eventi, al contrario dei comunicati stampa, nei giorni in cui le persone sono più distaccate dal lavoro e più propense ad accettare proposte. Ad esempio Sabato Mattina verso le 10/11 o Domenica mattina tardi o dopo pranzo. Non mandate l’evento a persone lontane dalla residenza dell’evento o palesemente fuori dal vostro target, state buttando il vostro tempo.
  • Pubblicate il vostro evento nei vostri gruppi proprietari e in gruppi Facebook di attinenza al contenuto del vostro evento.
  • Da questo momento in poi, con sempre maggiore frequenza e costanza, cominciate a curare l’evento Facebook che avete creato. Fornite agli iscritti dei contenuti in relazione all’evento con una certa regolarità. Cercate di aumentare il numero dei post man mano che ci si avvicina al giorno del vostro evento. (Foto – Un Video Descrittivo – Un link di un post di qualcun ‘altro che parla del vostro evento – Un breve video in diretta – Un sondaggio – Il Video che abbiamo registrato all’inizio – Un conto alla rovescia – La diretta di eventi simili – Parlate di eventi simili).

TORNIAMO AL NOSTRO COMUNICATO. Inserite nel comunicato il link Facebook e il Q-code che ne avete ricavato. Diffondete il vostro testo possibilmente tra il Martedì e il Giovedì, se riuscite in un orario da addetti ai lavori ovvero sia tra le sette e le dieci del mattino, da un indirizzo mail verificato con un oggetto che riporti chiaramente il titolo del comunicato. Se riuscite già nell’oggetto a far capire la provenienza dell’autore tanto meglio (constatare da subito per una redazione di Bergamo, ad esempio, che la proposta in esame viene da Bergamo o quanto meno da un autore della provincia o della Lombardia è un dato importante). Cercate di fare la vostra proposte a radio, quotidiani, riviste on line, tv e blogger della zona dell’evento in un tempo utile affinché il vostro comunicato sia effettivamente pubblicato. Se quindi la mia presentazione sarà stata fissata ad esempio l’ 1 Marzo, vi sconsiglio di partire a lavorarci dal 15 Febbraio, così come vi sconsiglio vivamente di cominciare la vostra diffusione troppo presto. Un buon tempo di preavviso per l’invio dei comunicati alle redazioni (specie quelle dei quotidiani) è considerato tre settimane. Per le riviste cartacee (non quotidiani e settimanali) bisogna ragionare almeno con sessanta giorni di anticipo. Sarà sicuramente necessario fare un re-call (un nuovo invio) dei vostri comunicati a parte della redazioni a cui avete inviato una segnalazione. Se disponete (vedi post La promozione radiofonica di un libro) di uno strumento di verifica di invio mail, che vi permette di sapere chi ha visionato il materiale e chi no, tanto meglio.


FUORI FACEBOOKUtilizzate innanzitutto i numerosi portali eventi gratuiti che esistono in rete e nei quali vi dovrete iscrivere, inserite sempre il link del vostro evento Facebook, del Q-code e del vostro video. Sto parlando di siti particolarmente frequentati come:

Bobobo

Plannify – (il vostro evento apparirà, gratis, anche su Meteo.it della zona)

Eventa

Evensi

In ognuno di questi portali (solo in Italia ne esistono più di trenta) avrete la possibilità di aderire alla classica formula delle tre opzioni di budget (povero – benestante – ricco e potente). Ricordatevi che tutti questi portali NON funzionano come Facebook. Didatti tutti gli iscritti possono vedere i post degli altri utenti ed è quindi un bene adoperarli e compilarli il più possibile. Non vi è mai capitato di non sapere cosa fare il Mercoledì pomeriggio ed andare su Bobobo.it??

Social Media

 

Non dimenticate altri vostri canali social importanti per diffondere il nostro evento quali:

Twitter
Pinterest 
Instagram (→Foto–Video–Diretta-Slide)
Google Plus (→Community, oltre che la possibilità di creare un EVENTO GOOGLE)
Linkedin(→Gruppi)
Flickr (→Gruppi)
You Tube (→Video che avete registrato in precedenza)
SoundCloud (→Gruppi, solo per gli iscritti al piano PRO)
Foursquare (→Geo-Social) - Sarebbe più indicato che fosse adoperato dal titolare della location
VK (→Gruppi Giganteschi) - Social diffuso sopratutto nei paesi dell'Est Europa

– Utilizzate per diffondere la voce della vostra presentazione anche quelle community attigue al mondo della scrittura dove è facile che la vostra presentazione possa interessare a qualcuno, mi riferisco a portali come Social writer – Writersdream – Ilmiolibro – Connessioniletterarie. Il contenuto del titolo che andiamo a presentare ci suggerirà dei possibili inviati ulteriori. Se è un libro che tratta di fotografia o fumetti o punk è necessario concentrare la nostra ricerca anche su delle community più specifiche.

– Non tralasciate siti aggregatori come: Diggita – Aska News – Tiscali – Google News, fondamentali per indicizzare qualsiasi contenuto.


Ancora insoddisfatti? 

Fate una ricerca, al fine di invitare e coinvolgere altri utenti, di eventi simili al vostro tra le seguenti piattaforme:

Blog di WordPress

Blogger (tramite Google Blog Research)

Canali You Tube e Vimeo

Blog su: Tumblr, Altervista, Weebly

Linkedin

Pinterest

Adoperando dei filtri di ricerca su Twitter che dispone di un filtro specifico per 
i post più recenti,avrete dei risultati eccezionali. (Esempio: "presentazione del libro 
Asti", "presenterò il mio nuovo libro", "presentazione libreria Torino"). 

Perché vi sto consigliando di pubblicare contemporaneamente su più Social?

  • Risparmio temporale
  • Perché se non linkate i vostri social è probabile che posterete solo su uno dei vostri social sottraendo parte del vostro potenziale pubblico dai vostri post.
  • Ma soprattutto per un discorso di visione di insieme di cui ora vi dico.

Vi faccio due esempi, mi auguro efficaci.

1) E’ più efficace, veloce e dispendioso delle nostre energie un annuncio emesso all’interno di un palazzo in contemporanea per tutte le stanze da degli altoparlanti o una persona che divulga il medesimo annuncio dirigendosi a piedi stanza per stanza e parla del suo annuncio a tutti i presenti per un numero di volte pari al numero delle stanze?

2) Provate a concepire per un attimo TUTTO IL WEB come la piantina di una città. Immaginiate che voi e la vostra pagina siate solo una piccola Volkswagen che percorre questa sterminata metropoli affollata di tantissime altre utilitarie come la vostra. Benissimo, a questo punto potete scegliere se percorrere i vostri tragitti in macchina o con un aereo. Qual’ è la differenza? Con la macchina sarete alle 9:00 in una zona, alle 9.12 in un seconda zona e così via. Con l’aereo sarete alle 9:00 in una zona e alle 9:01 nella seconda zona che è come dire che state occupando più spazio nella stessa unità di tempo. Di conseguenza agli occhi della città, visto che vi state espandendo su più strade nella stessa unità di tempo, sarete più visibili.

  • Condivisione Manuale = Persona che va nelle singole Stanze //Volkswagen
  • Sharing Automatico su più piattaforme = Altoparlante // Aereo

 

Come faccio ad amministrare tutto? 

Andiamo con ordine. Se partirete la creazione (non diffusione) del vostro comunicato stampa e del relativo evento Facebook con un buon margine temporale di anticipo, avrete tutto il tempo di postare da più parti senza risultare invadenti.

Se riflettiamo un attimo, un contenuto nel web può essere diffuso in cinque formati:

Testo o microtesto
Foto o slide
Video
Audio
Live streaming

Questa affermazione, tradotta in termini di social, andrebbe rivista così:

Testo = FACEBOOK /TWITTER //LINKEDIN // GOOGLE PLUS// PINTEREST

Foto o slide = INSTAGRAM // FLICKR

Video = FACEBOOK // YOUTUBE // INSTAGRAM // VIMEO

Audio = SOUNDCLOUD // MIXCLOUD

Live streaming = FACEBOOK // PERISCOPE // INSTAGRAM // YOU TUBE 
(PER MOBILE PROVA = TWITCH, YOU NOW E BITSTREAM)

 

SHARING

Per poter coordinare tutti i vostri canali social e su tutto quello che concerne la multi-condivisione ne parleremo più avanti. Tenete presente per adesso diverse possibilità per il vostro sharing facilitato. 

WordPress da la possibilità di condividere i vostri post in contemporanea su Twitter, Facebook oltre che su Google Plus (account e pagina), Tumblr e Linkedin. Attenzione: potete aggiungere più di un account di ognuna di questa piattaforma. Costo: zero.

Divlrit vi sarà utilissimo per poter condividere automaticamente i vostri post anche su Blogger, Pinterest o attivare un feed del vostro blog su Twitter o in un gruppo Facebook. Si attiva gratis o a 9 euro o 29 euro al mese. Se posto dal mio blog , quindi condividerò su Twitter, Facebook, Gruppo Facebook.

Symphonytools è una piattaforma che permette di condividere feed e su molteplici piattaforme blogger. Anche qua tre fasce di prezzo ma un po’ più altine.

Hootsuite, il più noto e costoso social nel settore dei multi-sharer. Hootsuite è sicuramente la piattaforma che offre più soluzioni oltre che un vero e proprio impressionante sistema di data base (avrete una scheda personalizzata con foto di ogni vostro follower e following di Twitter), caricamenti di multi post in .csv e tutta una serie di feed attivabili, oltre che tantissime possibilità di integrazioni come quella con Mail Chimp. Più adatto ad agenzie e aziende di grandi dimensioni o a team particolarmente tenaci e dalle idee molto chiare.

Hoosuite Share

Il massimo della meccanizzazione dei vostri post lo troverete in due mastodontiche applicazioni, attivabili entrambe con ottimi risultati anche con un account gratuito. Grazie a Zapier e Ifttt, è’ possibile infatti eseguire ed organizzare tutta una serie di azioni combinate (definite “trigger” o “automation”) molto interessati ai fini della nostra condivisione. Ad esempio:

- Postare da una Pagina Facebook in contemporanea con l' account Facebook
- Linkare un vostro Post Facebook ad un Team in una chat
- Postare una foto da Instagram e condividerla su Linkedin + Pagina Facebook
- Caricare un video da Youtube e notificare un Sms ai vostri iscritti
 Caricare un video da Youtube e postarlo al vostro blog WordPress o Blogger 
 (che se avrete opportunamente linkato porterà ulteriori condivisioni 
 su Twitter,Linkedin,Fan Page, molteplici account Twitter di collaboratori)
- Postare una foto da Flickr e postarla su Twitter, Facebook e Pinterest
- Postare una foto su WordPress con l’upload di foto dalla Pagina Faceebook
- Favoriti di Soundcloud su una Pagina Facebook
- Collegare Facebook a Scoop
- Collegare Facebook a Reddit
- Collegare un Open mic Rss ad una Pagina Facebook
Zapier.com
Zapier

La gran figata di queste due applicazioni è che potrete disattivare il trigger che avete creato con un semplice clic. Date un’ occhiata anche a Co-schedule (più post a diversi account Instagram – Gruppi Facebook ed altri). Attenzione a come condividete con questo tipo di App, si potrebbero creare dei sgradevolissimi effetti ping-pong che generano migliaia di link in pochi minuti per l’infelicità di tutti (se potete non prendetemi per pazzo alla lettura dell’ esempio che segue).

teschio

ESEMPIO PERICOLOSO – SE NON SEI AVVEZZO AI SOCIAL NON LEGGERLO. Se avete installato inserito un trigger da Zapier.com che dice all’App che ogni volta che caricate un video su YouTube lo deve condividere su WordPress che sua volta condivide con Tumblr ma successivamente vi dimenticate di aver inserito questa condizione perché magari navigate ogni giorno attraverso centinaia di siti  e successivamente aggiungete anche un trigger che dice a Zapier.com o da IFTT che ogni volta che caricare un post da Tumblr deve condividerlo su WordPress, assisterete ad una piccola guerra reciproca tra blog fatta di lanci di migliaia di link reciproci nell’arco di pochi secondi con conseguenti legioni di disiscritti  al vostro sito che posteranno commenti non simpaticissimi su di voi. Quasi come fare la cacca per strada insomma. Attenzione quindi all’uso di queste applicazioni. SE NON NE AVETE COMPRESO BENE L’USO E LA GESTIONE, NON ATTIVATELE!


ORIGINE DEL POST

→→→ Siamo arrivati adesso ad un punto nel quale capirete facilmente che tutti i post per una grande condivisione sui social non si originano mai da Facebook, ma nascono fondamentalmente da tre piattaforme, a seconda del formato del post che andate a condividere ovvero sia:

You TubeSE CONTENUTO VIDEO                                                                        WordPressSE CONTENUTO TESTUALE O TESTO + FOTO                            Instagram o FlickrSE CONTENUTO DI SOLO FOTO


SINTESI

Facciamo un riassunto di quelli che si facevano a scuola e che ci aiutano per qualche secondo a fare chiarezza.

IN GIALLO GLI ARGOMENTI CHE ANDREMMO A TRATTARE NELLA SECONDA PARTE 
DELLA "PROMOZIONE DI UN EVENTO LETTERARIO"

TRE MESI PRIMA
Preparazione del materiale
Creazione di account social mancanti 
Iscrizioni principali siti di portali eventi
Iscrizioni principali community per scrittori
Valuto se studiare ed adoperare Zapier - Hootsuite - Coscehdule - Ifttt
Cerca una location adatta
Cerca un presentatore ed un moderatore per la tua presentazione
Organizza Un Book-Trailer
Valuta se organizzare un pre-evento
DUE MESI PRIMA
Creazione di una gruppo su una chat di collaboratori all'evento
Creazione e Diffusione Evento Facebook solo a collaboratori
Pubblicazione Portali Eventi - Siti Aggregatori – Writer Community
Imposta in tutti i tuoi account social la foto dell’ evento come foto profilo
Diffusione Evento Facebook ad invitati
Pubblicazione su Gruppi Facebook (Proprietari e no)
Pubblicazione Evento in altri canali: Twitter,Google Plus,Linkedin,Pinterest
Invia Comunicato Stampa a riviste (non quotidiani), bimestrali-trimestrali
PROMEMORIA x chi ha confermato la sua presenza tramite Goocle Calendar 
Valuta se studiare le Insight della pagina Facebook che emette l'evento
Progetta e fai stampare dei Flyers dell'evento
UN MESE E MEZZO PRIMA
Diffusione Foto Evento Instagram // Twitter /Flickr // Facebook
Invito personalizzato in loco a giornalisti di un certo livello
Valuta Eventuali Impostazioni di Ads
Valuta altre forme pubblicitarie (Banner fissi o ad impressioni- Spot 
radiofonici- Spot TV - Spazi su Stampa - Cartelloni Giganti - 
Cartelli su Autobus-Pubblicità nelle metropolitane)
UN MESE PRIMA
Invio Comunicati Stampa e Redazioni ed Utenti
Pubblicazione Video dell'evento o Booktrailer su: YouTube – Flickr – Instagram 
– Facebook – Twitter
Invita qualche BookTuber
Eventuali modifiche delle impostazioni delle Ads 
Distribuisci i primi Flyer in location con eventi simili al tuo
Crea altri PROMEMORIA x chi ha confermato la sua presenza in questo secondo step tramite Google Calendar 
TRE SETTIMANA PRIMA
Post con tag dell’evento Facebook (vecchio evento)
Posta Audio dell’evento
Annuncia che una settimana prima dell'evento ci sarà una diretta streaming 
per descrivere l'evento
DUE SETTIMANA PRIMA
Re-call email REDAZIONI (UNA SETTIMANA DOPO IL PRIMO INVIO)
Re-call Evento Facebook con primo evento
Pubblica Evento Duplicato Facebook usando il video questa volta, esportando 
il vecchio evento potrai invitare questa volta chi non ha visto il tuo evento 
la volta scorsa. Linka all'interno di questo nuovo evento, l'evento originale, 
cerca di trasferire i nuovi invitati verso la festa maggiore.
Re-call dell’evento a Whatsapp/Telegram/ Skype/HipChat ai contatti più consolidati
Imposta un SMS Service (Solo per lista di contatti che hanno aderito o per 
collaboratori a stretto contatto)
Torna a distribuire i flyers del tuo evento
Valuta se attivare un Ads sulla promozione dell'Evento In streaming (è un evento 
specifico diverso dalla creazione del normale evento Facebook, la relativa ads si 
può attivare solo a 7 giorni dall'evento) oppure valuta se aggiungere e promuovere 
un diretta streaming  in contemporanea all'evento con esclusione  della zona dove 
si svolge la presentazione
UNA SETTIMANA PRIMA
Parti con la diretta streaming. Fai in modo che la diretta vada in contemporanea: 
Pagina, Gruppo, Twitter ed Evento.(Parleremo più avanti su come intraprendere 
una diretta in più canali social in contemporanea).
Imposta in tutti gli account social la foto del tuo evento con l’aggiunta della 
scritta diretta streaming se intendi sostenerla, se non puoi sostenerla aggiungi 
in ogni caso un elemento di novità alla foto del tuo evento. Il cambio di foto del 
profilo in quasi tutte i social è visibile a tutti i tuoi iscritti anche se no paghi 
un centesimo di ads.
UN GIORNO PRIMA // GIORNO STESSO
Ripubblicazione in tutti i canali (anche Evento)
Attiva Sms Service
GIORNO DOPO
Non sottovalutare l’importanza di come gestisci la promozione del “day-after” 
del tuo evento. Sarà in parte determinante per il buon esito di altri eventi che 
andrai a gestire. Pubblica quindi per due,tre giorni: foto, ringraziamenti, 
video, citazioni dell’evento.

Credo sia tutto.

FINE PRIMA PARTE

F.L. – TACCUINO UFFICIO STAMPA PER SCRITTORI ED EDITORI                                Pagina Facebook // Instagramm // La promozione radiofonica di un libro

Le recensioni del Taccuino

La ragazza che dormì con Dio  // Far west // La bella burocrate // Suttaterra

La ragazza che dormì con Dio (titolo originale The Girl Who Slept With God)

Di Val Brelinski

Casa editrice: Nutrimenti/collana Greenwich, pp.416

Uscita: Settembre 2017

Dal sito della casa editriceCosa fai se hai quattordici anni e vivi ad Arco, nel sonnolento Idaho degli anni Settanta? Se nella tua famiglia è proibito ballare, andare al cinema o al bowling, fare il bagno con i maschi? La vita di Jory Quanbeck è così. La presenza della religione è a tal punto concreta e incombente che Dio è sempre al suo fianco, la sorveglia, la giudica, la opprime (…) Poi ci sono le sorelle, Frances e Grace. Soprattutto Grace, diciassettenne dallo sguardo e dall’animo di ferro, ritratto e immagine di Cristo. Grace, che torna da un viaggio come missionaria in Messico e annuncia, tra lo sconcerto generale, di portare in grembo il figlio di Dio (…)

Recensione:Il romanzo segue la crescita umana della protagonista, cinta dalle maglie troppo strette di un’educazione cattolica, dalla claustrofobia e ignoranza di un paesino in cui una ragazza incinta va nascosta per non destare male lingue. Jory viene trasferita con la primogenita peccatrice in un luogo lontano abbastanza per cercare di arginare i danni, in una casa ai margini del paese. Qui le due ragazze attenderanno il momento del parto, sole. Questo scollamento dalla routine quotidiana creerà in Jory un cortocircuito di nuove emozioni ed esperienze che le mostreranno un nuovo modo di vivere più libero e imperfetto.

Estratto: Una volta, quello stesso anno, sua madre l’aveva trovata seduta a terra in camera sua, si trafiggeva l’interno della guancia con uno spillo. “Jory, ma si può sapere che stai facendo?”. “Niente”, aveva risposto lei, nascondendo lo spillo sotto la gamba. “Perché ti ficchi quel coso in bocca? Rispondimi”. Jory si era passata la punta dello spillo sull’interno del ginocchio. “Devo andare dal dentista domani”, aveva risposto. “E allora?”. “Volevo sapere cosa si prova. Quando ti fanno una puntura”. Sua madre aveva posato il bucato sul suo letto. Si era rialzata con le mani sui fianchi. “Il codardo muore mille volte”, aveva detto. “Il coraggioso una volta sola”. Si era voltata ed era uscita. Jory ricordava ancora a memoria quella citazione. Muore mille volte, si diceva mentre sbirciava nervosamente la strada alla ricerca del pulmino. Mille e una. Mille e due. Qualcosa che assomigliava sospettosamente a un vecchio scuolabus giallo svoltò l’angolo in fondo alla strada e si avvicinò sbuffando. Lo stomaco di Jory si contrasse dolorosamente, come se qualcuno le avesse stretto forte una cintura sotto il cuore.

 

La bella burocrate (titolo originale The Beautiful Bureaucrat)

Di Helen Phillips

La bella burocrate

Casa Editrice: Safarà, pp.176

Uscita: settembre 2017

Dal sito della casa editrice: In un edificio privo di finestre in un remoto quartiere di un’immensa città, la nuova assunta Josephine immette una serie infinita di numeri in un programma conosciuto solo come Database. Mentre i giorni si inanellano l’uno all’altro insieme alle pile di indecifrabili documenti, Josephine sente nascere dentro di sé un’inquietudine sempre più sottile e penetrante. Dopo l’inspiegabile sparizione di suo marito, in un crescendo vertiginoso Josephine scoprirà che la sua paura, divenuta oramai terrore, era pienamente giustificata.

Recensione: La bella burocrate è un romanzo distopico, visionario, a detta di molti critici kafkiano. La scrittrice riflette su come la tecnologia ci abbia lentamente spersonalizzati e trasformati in numeri. L’ufficio claustrofobico senza finestre in cui la protagonista lavora al computer è infatti una metafora dell’esistenza da schiavi a cui la società ci ha condannati, privandoci della speranza di poter andare oltre la sola sopravvivenza. A controbilanciare l’alienazione della protagonista ci sarà la tenerezza del rapporto d’amore di Josephine col marito Joseph, uniti anche nel nome, ultimo baluardo di umanità per cui valga la pena lottare.

Estratto: La persona che la intervistò non aveva la faccia. In altre circostanze – se il mercato del lavoro non fosse stato così squallido da così tanto tempo, se l’estate non fosse stata così cupa e afosa – questo avrebbe potuto scoraggiare Josephine dall’attraversare la porta di quell’ufficio fin dal primo momento. Ma per come stavano le cose il suo primo pensiero fu: oh, perfetto, l’aspetto dell’intervistatore probabilmente ha scoraggiato gli altri candidati! L’illusione della mancanza di faccia fu, come è ovvio, quasi immediatamente spiegabile: la pelle dell’intervistatore aveva la stessa tonalità grigiastra del muro alle sue spalle, gli occhi erano oscurati da un paio di occhiali altamente riflettenti, la fluorescenza appiattiva i lineamenti assemblati sopra l’asessuato completo grigio. Tuttavia, l’impressione persisteva.

 

Far west

Di Sonia Morganti

Far west - Sonia Morganti

Casa Editrice: Leone Editore/Collana Sàtura, pp. 296

Uscita: Ottobre 2017

Dal sito della casa editrice: 2060. Dennis, un nativo americano che ha lasciato la riserva per studiare in una delle più prestigiose università del paese, sta per laurearsi in ingegneria. Ma mentre si trova alla festa di laurea del suo migliore amico Frederick, viene sorpreso da una notizia sconcertante: si è esaurito il petrolio a livello mondiale, e nessuno dei paesi civilizzati è preparato a fronteggiare l’emergenza. Dennis, prevedendo lo scatenarsi del panico, decide di tornare dalla sua famiglia nella riserva, per affrontare così le conseguenze della crisi energetica, che rendono presto le città sempre più invivibili. Maniaci assetati di potere, intrighi politici e separatisti pronti a tutto sono solo alcuni dei pericoli di questo nuovo mondo, un far west in cui la legge del più forte sembra poter soffocare persino quella, eterna, dell’amore.

Recensione: Far West racconta una storia vecchia quanto il mondo ma purtroppo anche estremamente attuale. Far West racconta la lotta per una sopravvivenza messa a rischio dai propri simili. Non da disastri ambientali, non da virus letali, non da sbarchi di extraterrestri. No, Far West è prima di tutto un racconto del tentativo di sottomissione del potente sui più deboli, in questo caso i nativi americani. Far West è anche la storia della presa di consapevolezza identitaria del protagonista, Dennis, sfuggito alla vita noiosa della riserva per andare a studiare nella grande città. Sarà nella fatica della ricostruzione post apocalissi energetica e nel tentativo di salvare coloro che ama, che Dennis capirà l’importanza delle origini e della saggezza dei nativi americani.

EstrattoQuella sera il tramonto era particolarmente intenso: il fuoco del sole morente invadeva il cielo sotto gli occhi acuti di un condor che, apparentemente immobile, fluttuava senza fatica tra le colonne oscure delle mesa. Un uomo solo, presenza incidentale in quell’armonia, fissava l’orizzonte stringendo gli occhi, accecato dalla luce e perso nei propri pensieri. Presto sarebbe scesa la notte e lui sarebbe rimasto lì a meditare. Accese un piccolo falò e si avvolse in una coperta decorata da antichi simboli del suo popolo. Sistemò un pentolino sulle pietre vicine alla fiamma per tenere in caldo la bevanda che, insieme al fuoco, sarebbe stata il suo unico conforto fino all’alba. Il vento del deserto risaliva, portato dal respiro calmo della notte imminente. L’uomo si avvicinò al crinale per cogliere l’istante in cui l’ultimo bagliore del sole si arrende all’oscurità.

Suttaterra

Di Orazio Labbate

Suttaterra

Casa Editrice: Tunuè/Collana Romanzi, pp.120

Uscita: Novembre 2017

Dal sito della casa editriceGiuseppe Buscemi, siculo americano, è rimasto vedovo a soli trent’anni. Ormai lontano dalla realtà e prossimo al suicidio, riceve una lettera da Gela, inviata proprio dalla moglie defunta, che lo invita a raggiungerla là. Stravolto dallo spavento, e tuttavia custode indefesso dell’amore verso la donna, decide di seguire quel richiamo fantasmatico. Intraprenderà così un viaggio reale e metafisico dall’America alla Sicilia del sud, attraverso tappe esistenziali che suonano come una Via Crucis e l’incontro con personaggi surreali che sembrano emergere dalle profondità di un inferno mediterraneo.

Recensione: Suttaterra è un romanzo noir con accenti gotici, che narra la ricerca di un amore impossibile, perduto per sempre. E’ la storia di un’espiazione affrontata attraverso il ricordo e la paura nata dall’abbandono di ogni certezza terrena. Il protagonista, Giuseppe, becchino di professione, riceve una lettera dalla moglie defunta, Maria Boccadifuoco, in cui gli chiede di tornare in Italia, nel luogo dove si erano amati. Da questo momento straniante ha origine un viaggio fisico e intimo del protagonista, alla ricerca del senso di una chiamata improbabile dall’aldilà.

Estratto: “Sei un vedovo”, sussurrava alla camera, tastando con le dita smagrite la tasca dei jeans. Il cielo di là dalla finestra si inscuriva, sopra i palazzi, come la fantasia di un demone addormentato. Fissò la scrivania. Tentò di sfondarla con le mani, solo per scuoiarsi ancora una volta la pelle. Lui la chiamava malinconia: era un mestiere, da quando la moglie Maria era scomparsa un anno prima. Tre corvi sbattevano contro la finestra, uno si era spaccato il becco riuscendo però a forare il vetro. L’uomo allora si avvicinò, raccolse quella polvere adamantina e tracciò un cerchio attorno al buco a mo’ di un mago. Poi alzò l’imposta, e si arrampicò fino a sedersi, rivolto verso l’esterno, sulla sporgenza di pietra del davanzale. Pioveva nella notte e l’acqua caduta dal firmamento tintinnava come i campanelli di una messa.

 a cura di Antonella Quaglia

La promozione radiofonica di un libro

La buona notizia di partenza di questo lungo post è che la stragrande maggioranza delle numerose emittenti radiofoniche italiane (nazionali, regionali, locali, web, on demand) presenta all’interno del proprio palinsesto almeno un programma o un podcast dedicato alla letteratura, alla lettura o più in generale agli eventi culturali.

Il Taccuino

Come partire. Il primo passo da intraprendere nella preparazione della promozione di un libro è sicuramente quello di presentare al meglio l’opera e lo scrittore. Ci occorre a tal proposito un comunicato stampa semplice e chiaro, assolutamente non troppo encomiastico, dove ogni singola emittente possa facilmente visionare e scaricare:

- La presentazione e la biografia dell’ autore
- La copertina del libro, una foto dell' autore
- Intervista audio auto-prodotta dall’ ufficio stampa
- Dati e-book (link, data di uscita, casa editrice)
- Video-intervista o Book-trailer (ne parleremo...)
- Video della presentazione o di un invito ad una presentazione in streaming 
- Link alle migliori recensioni con un estratto e la fonte delle stesse
- Link social dell’autore
- Ciliegina sulla torta: allegato o link a estratto audio di qualche pagina 
  o un audio libro completo in allegato.

 

Come invio le email alle radio? Esistono specifici software di distribuzione per possessori di partita Iva, dotati di una bellissima grafica di presentazione, di cui pochissimi uffici stampa italiani si servono. Dall’uso di queste applicazioni, dopo l’ invio, sarà possibile stabilire con estrema chiarezza per ogni singola emittente:

- Chi ha visionato il nostro materiale materiale e chi no;
- In che giorno e a che ora hanno scaricato Il materiale in proposta
- Quale parte del materiale è stato scaricato o ascoltato o visto (COMUNICATO//AUDIO//VIDEO) 
VEDI ESEMPIO FOTO

 

il taccuino report radio
Report Radiofonico

Re-call telefonico. Tutta questa analisi dell’ invio delle nostre e-mail sarà finalizzata in un secondo momento della nostra promozione, quando le emittenti radiofoniche che non hanno risposto alle nostre richieste saranno contattate telefonicamente dall’ ufficio stampa, meno credibilmente dall’ autore stesso. Contattare un emittente radiofonica (tra le oltre 1200 presenti sul suolo italiano) con la consapevolezza che ha visionato il materiale dell’ autore in proposta, significa rendere più efficace la comunicazione della nostra promozione sin dal principio e partire con il piede giusto.

 

Quando il materiale dell’ autore è pronto, bisogna innanzitutto comprendere:

– Quali sono le emittenti radiofoniche più adatte alla promozione del nostro libro che potrebbero accettare di organizzare un’ intervista o una recensione in un programma dedicato o di parlare semplicemente dell’uscita del nostro titolo?

– Esistono programmi specifici radiofonici particolarmente in target con il nostro manoscritto?

 

promozione radiofonica di un libro

Avvertenze. Bisogna tener presente che tra le emittenti radiofoniche , così come accade per stampa, siti web e redazioni di tutto il mondo, esistono numerose redazioni particolarmente vintage friendly che accettano solo ed esclusivamente materiale fisico. E’ bene organizzare una promozione radiofonica (ed una promozione in generale) con un buon numero di copie fisiche disponibili. Bisogna intraprendere un ulteriore scissione tra redazioni che preferiscono la raccomandata e quelle che esigono la posta prioritaria normale pena invio mail minacciosa. Conviene assolutamente organizzare spedizioni tracciate con occhio vigile alle tempistiche. Se un libro esce il 4 Gennaio, non si può certamente organizzare il tutto a partire dal 2 Dicembre, che ne dite? 🙂

 

Volete risultare più accattivanti di tutti gli altri?? Inserite nelle vostre proposte oltre al titolo e alla stampa di un press-kit, anche una bella penna usb all’interno del pacco con tutti i dati digitali di cui sopra.

 

Quali sono le emittenti che gradiranno o che inseriranno con più probabilità un titolo di un autore emergente?

- Le emittenti specifiche con programmi per esordienti
- I cosiddetti programmi “itineranti” (in onda su numerose emittenti)
- Le emittenti della zone di provenienza dell’autore
_ Il format o i format prodotti dall' ufficio stampa che segue l'autore 
- Le emittenti in località non troppo distante da un evento di una presentazione 
  letteraria di un autore. 

 

Altri consigli per una promozione professionale.

Anticipate tutta la promozione web, radio, stampa con un anteprima o con una serie di anteprime (video o testuali) di un sito o radio o tv o una combinazione di essi, Serviranno a rendere più ricco il nostro press-kit oltre che a creare un precedente.

Cercate di abbinare l’inizio del giorno della promozione ad un evento di presentazione; in questo modo potrete accedere a molti più portali eventi, oltre che siti di redazioni locali ed attirerete l’attenzione della stampa e delle radio locali (organizzare degli inviti specifici i loco sarebbe più indicato)

Organizzate un evento in diretta streaming con esclusione su Facebook della zona della messa in onda della diretta. Le dirette Facebook (ne parleremo più in là, sia della loro realizzazione, sia della loro condivisione) si possono pubblicizzare creando un evento sin da subito e con un post specifico con un video all’interno solo a partire da sette giorni prima dell’ evento. Pubblicizzate il vostro evento su aerea locale con un foto o video post con 30/60 euro su Twitter/Instagram /Facebook

Create degli eventi per le vostre migliori interviste programmate ed invitate gli utenti a cui realmente o potenzialmente può interessare la vostra presentazione (se nel corso degli anni avrete creato delle liste tra i vostri amici su Facebook, ad esempio: speaker, giornalisti, amici, editori, blogger….farete una distribuzione dei vostri inviti più efficace)

Rilanciate le recensioni e le news ottenute in giro e nel web sulla vostra Fanpage Facebook che dovreste collegare a Twitter ed Instagram. Vi consiglio di cominciare a sfruttare anche Tumblr, Linkedin, Pinterest e Google Plus nelle vostre condivisioni (ed i relativi gruppi e community) sempre più presenti di blogger, utenti e scrittori italiani (qualcuno anche in gamba).

Approfondiremo tutte le tematiche della promozione radiofonica di un libro e della promozione di un libro in tutti i suoi aspetti  (oltre che della gestione social) nell’ EVENTO DI PRESENTAZIONE DEL TACCUINO IN LIVE STREAMING previsto il 12 Dicembre alle ore 16. 

 

Radio Book
Radio-book
Ecco alcuni programmi radiofonici dedicati ai libri e alla lettura; alcuni di questi radio-format sono attenti anche, ma non solo, alle novità editoriali provenienti dal sottobosco. 
F.L.

A me mi piace la letteratura pop

RADIO FRAGOLA TRIESTE

Lunedì ore 13.35

Accarezzami l’anima

RADIO RADIO ROMA

Lunedì – Venerdì ore 06,00 – 08,00

Anubi

RADIO CITTA’ APERTA ROMA

Venerdì ore 18:00 – 21:00

Artscapes

RADIO FLASH TORINO 97.6

Venerdì 20:00 – 21:00

Breakfast Club

RADIO CITTA’ FUJIKO 103.1 FM – BOLOGNA

Dal lunedì al venerdì dalle 7.30 alle 9.20

Carta Vetrata

NOVA RADIO FM 101.5 FIRENZE FM 87.8 MUGELLO

Domenica ore 10.30 – 12.00

In onda anche su RADIO BUDRIO FM (Bologna): Domenica 10.30 e Mercoledì 11.35

Caffe Lette Radio

RADIO BLABLA NETWORK MILANO

Martedì ore 20.30 , replica Mercoledì ore 16.30

Coffebreak

RADIO POPOLARE VERONA FM 104

Giovedì ore 14.00 / Venerdì ore 15.35

Cult

RADIO POPOLARE MILANO 107.60

Dal Lunedì Al Venerdì 11.30 / 13.30

Freetime

RADIO BLABLA NETWORK MILANO

Giovedì ore 18.30

Gli scrittori della porta accanto

RADIO BOOK + PODCAST RADIO BIG WORLD

Giovedì ore 18:30

Il cacciatore di libri

RADIO SOLE 24 ORE

Sabato 6.30 e 22.05 // Domenica ore 16.15 e 20.45

Il Garage Ermetico

NOVA RADIO FM 101.5 FIRENZE FM 87.8 MUGELLO

Diretta Domenica ore 21, replica Martedì ore 19.00

Il mondo che ci gira intorno

RADIO LIBRI.IT ROMA

Podcast

Il Ritratto Di Dorian Gray

RADIO CITTA’ FUJIKO 103.1 FM – BOLOGNA

Lunedì ore 18:00

Lombardia Spettacoli

RADIO LOMBARDIA

Tutti i giorni tranne il week end 14.30/16.30

Lo scaffale di Primo

RADIO ONDA D’ URTO BRESCIA/MILANO

Ogni primo Giovedì del mese ore 21.00- 22.00

Musik Leaks

FORMAT IN ONDA SU OLTRE 60 EMITTENTI

Night Train

CONTATTO RADIO LUCCA /LA SPEZIA /FORTE DEI MARMI

Giovedì ore 21.00 – 22.30

Provincia di Massa – Carrara 89.800 MHz  Carrara, Massa, Montignoso, Fosdinovo, Aulla Provincia di Lucca 89.800 MHz Pietrasanta, Viareggio, Forte dei Marmi, Camaiore, Seravezza, Stazzema Provincia della Spezia 89.800 MHz  La Spezia, Sarzana, Ameglia, Lerici, S. Stefano Magra, Ortonovo, Castelnuovo Magra, Arcola, Vezzano Ligure, Portovenere, Riccò del Golfo di Spezia, Follo, Beverino, Bolano, Calice al Cornoviglio.

Per brevità chiamato artista

RADIO GALILEO TERNI

Lunedì ore 16 -17.30 // Martedì ore 16.30 – 18

San Sepolcro,  Città di Castello, Umbertide, 106.5 MHz, Gubbio 95.4 – 97.4 MHz Gualdo Tadino, Nocera 95.4 MHz, Perugia, Assisi 97.4 – 105.6 MHz Foligno, Spoleto 95.9 – 97.4 MHz Orvieto, “Trasimeno” 93.5 – 97.4 MHz, Acquasparta, Amelia, Todi 97.4 MHz Terni 97.4 – 98.4 – 100.5 MHz, Viterbo 100.6 MHz Rieti 90.5 – 100.65 MHz Roma 97.4 MHz

Plot Machine

RAI RADIO 1

Lunedì ore 23-05

Tabula Rasa

RADIO ONDA ROSSA ROMA

Sabato ore 12:30